/ Cronaca

Cronaca | 22 gennaio 2019, 15:43

Caso Rimborsopoli Piemonte: 'Pranzi e cene non sono eventi di rilievo politico'

Depositate le motivazioni della sentenza con cui, nel luglio scorso, i giudici della Corte d'Appello di Torino hanno condannato l'ex Governatore del Piemonte Roberto Cota e 24 tra Consiglieri ed ex consiglieri regionali

Caso Rimborsopoli Piemonte: 'Pranzi e cene non sono eventi di rilievo politico'

Sono state rese note le motivazioni della sentenza con cui la Corte d'Appello di Torino, ribaltando il primo grado, ha deciso di condannare tutti i 25 imputati – tra cui figurano l'ex Governatore del Piemonte, il leghista Roberto Cota; l'attuale capogruppo alla Camera del Carroccio Riccardo Molinari e l’ex consigliera regionale astigiana Rosanna Valle (assolta in primo grado e condannata a 2 anni e 4 mesi in Appello) – per la vicenda Rimborsopoli.

I giudici hanno sottolineato come non si possano ritenere "evento di rilievo politico ogni pranzo o cena al ristorante o incontro al bar per la sola presenza di un consigliere regionale". Facendo notare come "l'elevata frequenza di scontrini non inerenti l'attività politica, di cui si afferma la presentazione erronea in buona fede, è con tutta evidenza logicamente non credibile".

"Non si vede come possa ritenersi erronea la presentazione di uno scontrino per l'acquisto di un capo d'abbigliamento negli Stati Uniti per poi inserirlo - dopo volo transoceanico - nella cartellina dei rimborsi. La conservazione dello scontrino e la consegna alla segreteria palesa di per sé l'intenzione di avere il rimborso", hanno ulteriormente argomentato nelle motivazioni i magistrati della Corte d'Appello.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium