/ Attualità

Attualità | 16 luglio 2019, 07:00

Speciale AstiMusica: cinque domande a TrigNO, opening for Dutch Nazari e Postino (FOTO E VIDEO)

Abbiamo fatto due chiacchiere con TrigNO, al secolo Pietro Bagnadentro, tra i vincitori del contest SonAsti che questa sera aprirà a Dutch Nazari e Postino

Speciale AstiMusica: cinque domande a TrigNO, opening for Dutch Nazari e Postino (FOTO E VIDEO)

Abbiamo fatto due chiacchiere con TrigNO, al secolo Pietro Bagnadentro, tra i vincitori del contest SonAsti che questa sera aprirà a Dutch Nazari e Postino. Il progetto vede la partecipazione di: TrigNO (cantante), Carl Laurent (produttore)
Simone Ferrero (chitarrista), Enrico Valleri (manager), Andrea Graziano (fotografo), Lorenzo Cavaiuolo (videomaker), Malcolm Fraquelli (responsabile del merchandising/stylist).

Trigno, sei tra i vincitori del contest SonAsti. Ti aspettavi un risultato così positivo?

Non avevamo nessuna aspettativa. L'abbiamo presa come un'opportunità e ora abbiamo solo voglia di salire sopra quel palco.
Parlo al plurale perché insieme a me ci sono altri 5 ragazzi che collaborano per rendere questo progetto fattibile.

Il tuo è un rap, ma molto contaminato, con diverse sfumature. Se dovessi dare una definizione del tuo genere musicale, quale sarebbe?

Come ho già detto in altre interviste, noi facciamo musica, quel che esce dalle casse è il frutto di quello che noi percepiamo della nostra società. Io mi occupo di scrivere testi e Carl Laurent (Carlo Beccio) di produrre beat. A lui abbiamo affiancato Simone Ferrero, il chitarrista, che in diverse canzoni ha già dato il suo contributo e che suonerà con me un inedito chiamato "Lento" questa sera.

Quali canzoni porterai sicuramente sul palco di AstiMusica?

Sicuramente porteremo i tre singoli già usciti in tutte le piattaforme digitali con l'aggiunta di "Lento".

Durante le tue esibizioni condividi il palco con altri ragazzi. Che rapporto c’è tra di voi e cosa significa per te condividere con loro queste esperienze?

Ne parlavo prima, sono tutti fondamentali nel progetto tanto quanto me. Sono i miei amici più stretti infatti per questo mi sento fortunato. Il nostro rapporto non si basa solamente sulla musica e proprio per questo in studio quando si producono i pezzi si viene a creare sempre un bellissimo ambiente, che poi è necessario per rendere funzionale un progetto.

Aprirai a Dutch Nazari e Postino. Cosa pensi degli artisti a cui sei stato ‘abbinato’?

Non li conosco, so che sono leggermente più grandi di me ma non ha importanza. Spero di conoscerli meglio nel backstage e voglio godermi il loro spettacolo. La musica unisce le persone e spero che ci riesca anche questa sera in piazza Cattedrale.

DUTCH NAZARI E POSTINO

INDI(e)AVOLATO presenta:

DUTCH NAZARI
“Ce lo Chiede l’Europa” (Undamento) è l’ultimo disco di Dutch Nazari, quello che lo afferma tra le realtà più interessanti d’Italia. Il tour è iniziato lo scorso dicembre con una serie di sold out ed è recentemente arrivato alle porte dell’estate con il Primo Maggio a Roma e MIAMI festival a Milano. Il cantautorap di Dutch girerà per tutta l’estate e in tutta Italia.

POSTINO
Una delle rivelazioni dell’ultima stagione. Un disco uscito un anno fa (Labella/Black Candy), un EP che sta uscendo diviso per capitoli da ora alla fine dell’estate, un pubblico che si moltiplica di giorno in giorno sul web e ai concerti. Postino è così, ti cattura al primo ascolto e ti trascina sotto al palco, con una bottiglia “di latte di soia”, circondato da ragazzi che canta- no “Sbagliamo insieme” con te.

Elisabetta Testa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium