/ Attualità

Attualità | 25 agosto 2019, 08:00

Maltempo in Piemonte: Cirio visita tutte le aree colpite

Tappa astigiana il 2 settembre. Firmata oggi la richiesta di stato di emergenza per l'intero Piemonte

La firma dello stato di emergenza

La firma dello stato di emergenza

Oggi Barge nel Cuneese, lunedì 26 agosto Vercelli e Alessandria, lunedì 2 settembre Chieri e Asti e giovedì 5 il Verbano Cusio Ossola. Sono le prime tappe annunciate dal presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio per visitare le aree colpite dal maltempo nel periodo estivo.

"Da Barge, che è uno degli ultimi comuni colpiti dalle conseguenze del maltempo di questa estate - spiega il presidente Cirio -, inizia la prima di una serie di tappe su tutto il territorio regionale per incontrare i sindaci dei comuni che, da giugno a oggi, hanno subito danni a causa delle forti piogge, grandinate e raffiche di vento».

In concomitanza con il sopralluogo di oggi nel Cuneese, a cui hanno partecipato sindaci, consiglieri, vigili del fuoco e protezione civile, il presidente Cirio ha firmato la richiesta di stato di emergenza per l’intero Piemonte. Come ha spiegato il Presidente, la richiesta parte immediatamente per Roma e "riguarda in particolare i danni agli edifici e le infrastrutture, mentre in queste settimane abbiamo avviato le procedure per chiedere lo stato di calamità relativo ai danni all’agricoltura. Ho già programmato di recarmi nei prossimi giorni su tutti i territori colpiti per confrontarmi sulla situazione attuale e gli interventi futuri. Stiamo agendo in fretta e ci aspettiamo che altrettanto faccia lo Stato, stanziando le risorse necessarie a mettere in sicurezza il Piemonte". 

Al dossier sui danni in tutta la regione stanno lavorando l’assessore alla Protezione civile e infrastrutture Marco Gabusi e l’assessore all’Agricoltura Marco Protopapa.

Il riconoscimento dello stato di emergenza per i danni a edifici e infrastrutture riguarda numerosi territori.

Per quanto riguarda invece la richiesta di calamità per i danni alle attività agricole, questi, al momento, i comuni - che da quanto risulta agli uffici regionali - hanno inviato le segnalazioni: in provincia di Asti: Antignano, Celle Enomondo, Revigliasco, San Damiano d’Asti, Tigliole, Castelnuovo Don Bosco, Baldichieri d’Asti.

In provincia di Alessandria, Rosignano Monferrato, Murisengo, Ozzano Monferrato, Camagna Monferrato, Cella Monte, Frassinello Monferrato, Ottiglio, San Guirgio Monferrato Olivola, Sala Monferrato, Terruggia, Treville, Vignale Monferrato, Cerrina Monferrato, Mombello Monferrato, Odalengo Grande, Cereseto, Ponzano Monferrato, Gabiano, Villamiroglio.

In provincia di Vercelli: Caresana, Stroppiana, Asigliano Vercellese, Salasco, Lignana e Vercelli.

In provincia di Cuneo: Montà, Barge e Bagnolo.

Nella Città Metropolitana di Torino: Andezeno.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium