/ Eventi

Eventi | 11 settembre 2019, 18:09

Douja d’Or 2019: il bilancio di Confagricoltura Asti sulla presenza nello spazio "I Sapori del Territorio"

Baravalle: "Una vetrina importante per le nostre aziende, decisamente positiva, che ci aiuta a valorizzare e far conoscere le eccellenze del territorio piemontese"

Il brindisi di inaugurazione della Douja d'Or 2019 presso lo spazio "I Sapori del Territorio"

Il brindisi di inaugurazione della Douja d'Or 2019 presso lo spazio "I Sapori del Territorio"

La 53esima edizione della Douja d’Or si appresta a vivere la seconda e ultima settimana all'insegna della tradizione e del folklore, ma soprattutto dell’enogastronomia, grazie alle etichette delle più prestigiose case vinicole provenienti da tutta Italia e premiate alla rassegna astigiana (sono oltre 50 quelle di “casa Confagricoltura”).

Un successo fino a questo momento certificato dalla numerosa partecipazione di pubblico che, soprattutto nello scorso weekend, ha affollato il centro storico di Asti anche per partecipare alle tante iniziative “satellite” organizzate a corredo della kermesse.

L’edizione 2019 ha visto quest’anno anche la presenza di Confagricoltura Asti (le associazioni di categoria erano assenti da qualche anno) nello spazio "I Sapori del Territorio", dove i prodotti di eccellenza del Monferrato hanno fatto da accompagnamento alle degustazioni dei vini premiati in vendita presso il bancone mescita di piazza Roma.

Insieme all'azienda Agripassione di Asti, Confagricoltura è stata presente, oltre al giorno dell’inaugurazione (insieme alla CIA Asti), sabato 7 e martedì 10, in una formula accolta fin da subito positivamente dai vertici di via Monti.

Il bilancio al termine delle tre serate è nel complesso positivo, con alcune riserve dovute a una fase sperimentale dell’iniziativa, che però si auspica venga confermata anche per il 2020, seppur con qualche “correttiva” organizzativa e logistica.

"Una vetrina importante per le nostre aziende, decisamente positiva, che ci aiuta a valorizzare e far conoscere le eccellenze del territorio piemontese e italiano in genere – afferma il direttore di Confagricoltura Asti Mariagrazia Baravalle. "Per questo ringraziamo la Camera di Commercio di Asti per l’opportunità concessa e ci auguriamo che il prossimo anno l’iniziativa possa essere riproposta, magari migliorando la visibilità e la logistica, in modo da rafforzare l’unicum tra l’offerta vinicola e le tipicità gastronomiche".

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium