/ Cronaca

Cronaca | 11 ottobre 2019, 09:05

Lepri dal Nord Europa nei boschi dell'Astigiano: indagato ex tesoriere Federcaccia

Proprio la Federazione caccia sarebbe stata, attraverso il suo ex tesoriere, la principale protagonista delle condotte illecite contestate

Lepri dal Nord Europa nei boschi dell'Astigiano: indagato ex tesoriere Federcaccia

Avrebbe impiegato in maniera illecita il denaro ottenuto dal lavoro delle guardie venatorie dell'Astigiano.

Il Nas di Alessandria ha indagato per malversazione ai danni dello Stato l'ex tesoriere della Federcaccia di Asti, nell'ambito dell'operazione chiamata 'lepus aliena' sull'introduzione nel territorio di lepri provenienti dall'Est Europa e potenziali portatrici di malattie come la zoonosi batterica, parzialmente trasmissibile all'uomo.

Le indagini, iniziate due anni fa e guidate dal maggiore Fabrizio Carillo, avrebbero evidenziato irregolarità sull'introduzione degli animali attraverso la vendita agli Ambiti territoriali di caccia, ai Comprensori alpini e ad aziende private, "mettendo così in pericolo l'economia rurale e forestale, il patrimonio zootecnico del territorio" spiega Carillo.

Indagando su questi rapporti sarebbe merso che la Provincia erogava fondi e li dava a Federcaccia per i servizi resi dalle guardie venatorie volontarie iscritte.

Proprio la Federazione caccia sarebbe stata, attraverso il suo ex tesoriere, la principale protagonista delle condotte illecite contestate. L'uomo è accusato di aver trattenuto  somme di denaro erogate dalla Provincia anziché destinarle a chi spettavano, cioè ai singoli iscritti all'associazione. 

"Per definire il quadro accusatorio - prosegue Carillo - sono state svolte numerose perquisizioni con contestuale sequestro di documentazione in tutta Italia negli uffici Uvac, nella Province, in Aziende sanitarie locali, in aziende di import ed export e associazioni di categoria".

M.M.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium