/ Al Direttore

Al Direttore | 12 gennaio 2020, 13:30

"L'ASL di Asti ha bisogno di un Direttore Generale"

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma del Segretario Generale della CGIL di Asti e del Segretario Generale Provinciale della Funzione Pubblica CGIL, in merito alla conferma di Messori Ioli in qualità di Commissario

"L'ASL di Asti ha bisogno di un Direttore Generale"

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma del Segretario Generale della CGIL di Asti, Luca Quagliotti, e del Segretario Generale Provinciale della Funzione Pubblica CGIL, Roberto Gabriele, in merito alla conferma di Messori Ioli in qualità di Commissario Asl Asti.

Abbiamo appreso nei giorni scorsi che il dott. Messori Ioli è stato confermato in qualità di Commissario dell’ASL di Asti. Ci complimentiamo con lui, ma siamo seriamente preoccupati per il futuro della sanità nella nostra Provincia.

Ci aspettavamo, dopo quasi un anno, che anche ad Asti venisse nominato un Direttore Generale; il dott. Messori Ioli, sia chiaro, avrebbe potuto benissimo ricoprire quell’incarico, non è per noi una questione di nome, ma le agibilità e le possibilità di scelta che ha un Commissario rispetto a un Direttore Generale, soprattutto in merito alle necessarie strategie che l’ASL dovrà affrontare nei prossimi mesi, sono molto diverse.

Il Commissario avrà la necessaria autonomia per affrontarle? Facciamo qualche esempio. Dopo la sentenza sul contenzioso relativo all’Ospedale della Valle Belbo avrebbero dovuto riprendere i lavori di costruzione: riprenderanno? Con che tempistiche? E ancora: le scelte sulle politiche socio sanitarie e il futuro di alcune Residenze per Anziani potranno essere assunte in autonomia dal Commissario oppure saranno vincolate alle decisioni dell’assessore regionale? Proseguirà il necessario piano di assunzioni per coprire le carenze organiche o si avranno ancora dei blocchi e dei ritardi? Si procederà al completamento della rete delle case della salute, riprendendo il necessario confronto con i medici di medicina generale? Che ne sarà del piano di investimenti relativo al rinnovamento delle apparecchiature e macchinari sanitari di cui si ha grande bisogno?

Ci sembra, ma speriamo di essere smentiti, che la mancata nomina del Direttore Generale dell’Asl di Asti sia più legata a problemi interni alla Regione che a una vera e necessaria definizione delle politiche sanitarie territoriali e che rimandi ulteriormente, a data indefinita, le necessarie scelte strategiche.

Ci auguriamo, però, che tali scelte avvengano al più presto e attraverso un confronto con il territorio e le sue rappresentanze, a partire dal piano aziendale che, ci sembra, sia ancora lontano dall’essere definito.

Luca Quagliotti, Roberto Gabriele

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium