/ Cronaca

Cronaca | 16 gennaio 2020, 10:16

Arrestata ed espulsa cittadina albanese. La donna aveva violato il divieto di rientro sul territorio italiano

La Polizia ha scoperto l'ennesimo matrimonio falso per ottenere il permesso di soggiorno

Arrestata ed espulsa cittadina albanese. La donna aveva violato il divieto di rientro sul territorio italiano

Ennesimo matrimonio fasullo scoperto dalla Polizia.

Lunedì scorso durante l'attività di controllo del territorio, agenti della Volante della Questura astigiana hanno fermato per un controllo un'autovettura con a bordo tre persone: due uomini ed una donna. Durante il controllo l’attenzione degli operatori veniva attirata dal nervosismo con cui la donna attendeva l’esito degli accertamenti.

DIVIETO DI RIENTRO E MATRIMONIO FALSO

Infatti a carico dei due uomini non è risultato nulla, mentre la donna, una 23enne di origini albanesi, sedicente compagna del passeggero italiano, risultava essere stata allontanata coattivamente dal Territorio Nazionale nel luglio 2018 con volo da Milano Malpensa diretto a Tirana e con divieto di rientro in Italia per i successivi 5 anni.

 La donna agli agenti ha dichiarato di trovarsi in Italia perché si sarebbe dovuta sposare con il giovane compagno. Tuttavia, dai successivi accertamenti è emerso che in realtà il matrimonio era unicamente finalizzato a farle ottenere un permesso di soggiorno per motivi familiari.

Condotta dapprima presso gli uffici della Questura e sottoposta ai rilievi fotodattiloscopici, all’esito degli accertamenti la donna è stata tratta in arresto per aver violato il divieto di rientro sul territorio italiano, ai sensi Testo Unico sull’Immigrazione.

L'arrestata è stata successivamente accompagnata presso la casa circondariale sezione femminile di Torino, in attesa del nulla osta al rimpatrio da parte del Giudice di Pace di Asti.

Emesso il provvedimento da parte dell'Autorità Giudiziaria, nella nottata la donna è stata accompagnata dai poliziotti della Questura di Asti al CPR di Roma per l'immediato rimpatrio nel Paese di provenienza.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium