/ Sport

Sport | 24 aprile 2020, 17:16

Coronavirus, annullata la StraAsti 2020 e gli altri eventi di Albatros Comunicazione

L'annuncio del patron Beppe Giannini:"Ad emergenza finita, il prossimo anno, tornerà la StraAsti con migliaia di astigiani che superato il momento di gravi preoccupazioni, potranno festeggiare il ritorno alla normalità"

Un momento della scorsa edizione

Un momento della scorsa edizione

l 21° Torneo dei “Borghi di Bocce”, svoltosi nello scorso mese di febbraio, sarà probabilmente l’unica manifestazione ad essere disputata nel 2020 tra quelle messe in calendario, a celebrazione del “venticinquennale” di attività, da Albatros Comunicazione che ha di fatto rinviato al prossimo anno tutti i suoi “eventi”.

A partire dalla 35a “StraAsti” - 16° Mem. “Giorgio De Alexandris”, la “manifestazione sportiva più amata dagli astigiani”, originariamente in programma nella serata di venerdì 22 maggio.

“Già un mese fa, con l’inizio dell’emergenza sanitaria si era capito che ben difficilmente si sarebbero potuti disputare i diversi eventi che il nostro territorio sa ogni anno esprimere, spiega Beppe Giannini amministratore di Albatros.

Sin da allora avevamo informato il Comune di Asti che le nostre manifestazioni, una ventina in tutto, in programma tra aprile e metà giugno, sarebbero state rinviate o annullate stante la pandemia che andava sempre più aggravandosi. Poi è arrivata, insieme alle limitazioni governative sull’intero territorio nazionale, l’ordinanza comunale di sospensione nei prossimi mesi, e comunque almeno sino all’estate, di tutte le manifestazioni cittadine.

Per quel ci riguarda, tenuto conto delle informazioni che giungono dal Comitato tecnico scientifico nazionale a riguardo delle future limitazioni (mascherine, distanziamento sociale) a pandemia bloccata, non ci sono le condizioni per ipotizzare lo spostamento entro l’anno in corso di eventi come le manifestazioni sportive paliofile, la Damigella del Palio, i Tornei calcistici giovanili, la Astipedalando tra  Borghi e sopratutto la StraAsti che ogni anno possono contare sulla indispensabile collaborazione di Enti, Associazioni e Forze dell’ordine.

Oggi, e chissà per quanto tempo ancora, realtà del territorio impegnate ad arginare e gestire l’emergenza sanitaria in corso. Senza dimenticare gli imprenditori commerciali che avevano confermato come ogni anno, con largo anticipo, la loro collaborazione; molti dei quali, oggi, con problematiche a tutti note, legate alla chiusura da diverse settimane delle rispettive attività.

È giusto fermarsi sin d’ora, conclude Giannini, in quanto difficile immaginare, permanendo il distanziamento sociale, lo spostamento dei vari eventi al dopo estate. È invece realistico pensare al 2021.

Ad emergenza finita, il prossimo anno, a fine maggio, tornerà la “StraAsti” con migliaia di astigiani che superato il momento di gravi preoccupazioni, sanitarie, umane e lavorative, potranno festeggiare il ritorno alla normalità; e rivivranno tutti quegli appuntamenti, culturali, sportivi e di vita sociale patrimonio delle nostre tradizioni. Impossibili da immaginare e vivere con mascherine e guanti, senza un abbraccio o una stretta di mano. Rivedremo anche le persone più fragili riappropriarsi della loro quotidianità. Quando persisterà, indelebile, il ricordo per quanti ci hanno lasciati e sarà ancora quanto mai vivo il senso di infinita riconoscenza verso chi, senza pensare di essere un eroe, avrà fatto - semplicemente - il proprio dovere”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium