/ Solidarietà

Solidarietà | 31 luglio 2020, 15:32

Asl At, importante contributo del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, per la manutenzione del Pronto Soccorso

L'offerta per l'ospedale, di circa 500mila euro, oltre ai lavori, garantirà nuovi acquisti tra cui un ecografo portatile per l'Usca

Asl At, importante contributo del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, per la manutenzione del Pronto Soccorso

Grazie ad un importante contributo del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, il Cardinal Massaia a breve integrerà il proprio parco diagnostico con importanti apparecchiature che resteranno in dotazione ad ASL AT per il futuro e provvederà ad alcuni interventi di manutenzione edilizia ed impiantistica in Pronto Soccorso.

500 MILA EURO DAL GRUPPO BANCA DI ASTI,

Tutto questo sarà, infatti, possibile grazie alla donazione di 500mila euro che Cassa di Risparmio, e tutto il suo personale, ha offerto ad ASL AT, raggiungendo la cospicua cifra che andrà a coprire l’acquisto di una stazione radiologica digitale polifunzionale; due portatili per la radiologia; un ecografo portatile destinato all’Usca (Unità Speciali di Continuità assistenziale); due sistemi di lampade scialitiche per il blocco operatorio; alcuni interventi di manutenzione edilizia ed impiantistica in DEA per la separazione dei percorsi Covid e No Covid.

LE DICHIARAZIONI

Soddisfatto Giovanni Messori Ioli, Commissario Asl At,  con la dottoressa Laura Martincich, direttore della struttura di Radiodiagnostica: “voglio ringraziare sentitamente il Presidente Giorgio Galvagno, il Direttore Generale Carlo Demartini, il Responsabile Canali Innovativi e Comunicazione Isidoro Albergucci insieme a tutto il personale, per la sensibilità dimostrata in un momento tanto delicato e critico per l’intera nostra comunità come quello emergenziale appena trascorso.”

I donatori verranno sempre aggiornati sulle fasi del percorso che si concluderà nei prossimi mesi.

Siamo orgogliosi di aver supportato concretamente l’Ospedale di Asti in un momento di forte criticità. La donazione è stata un’iniziativa realizzata con il cuore, dalle persone, per le persone: dal personale di Banca di Asti e Biver Banca e dai membri dei rispettivi Consigli di Amministrazione, per le persone delle aree in cui operiamo.” – commenta Carlo Demartini, Amministratore Delegato del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, insieme al neo Presidente Giorgio Galvagno“Abbiamo riconosciuto fin dall’inizio che l’emergenza sanitaria avrebbe avuto conseguenze anche sociali: per questo abbiamo devoluto la somma raccolta di 2 milioni e 200 mila euro sia per supportare il settore sanitario – oltre all’ospedale di Asti anche quelli di Biella e Vercelli – sia per sostenere progetti a carattere sociale, collaborando con specialisti del terzo settore in grado di soddisfare le esigenze a livello interregionale.”

ANCHE NUOVI DPI

La generosità del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti ha anche permesso la fornitura di numerosi Dispositivi di Protezione Individuale per la sicurezza dei pazienti e dei sanitari durante la fase acuta della pandemia.


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium