/ Cronaca

Cronaca | 08 settembre 2020, 14:35

Incarico di grande rilevanza per il Colonnelo Fabio Federici, che guidò l’Arma Astigiana dal 2011 al 2016

L’Ufficiale è il nuovo Capo di Stato Maggiore del Comando Legione Carabinieri "Emilia Romagna"

Il Colonnello Federici (a sinistra), ritratto con il Generale Angrisani

Il Colonnello Federici (a sinistra), ritratto con il Generale Angrisani

Il Colonnello Fabio Federici – già comandante del Comando Carabinieri di Asti dal novembre 2011 al gennaio 2016, periodo nel corso del quale l’Ufficiale si è trovato a seguire in prima persona alcune delle vicende che, in particolare nel periodo compreso tra il gennaio 2014 e il luglio 2015 (rispettivamente la sparizione di Elena Ceste e il brutale omicidio di Maria Luisa Fassi)contrassegnarono la cronaca non soltanto a livello locale è il nuovo Capo di Stato Maggiore del Comando Legione Carabinieri "Emilia Romagna".

Nella mattinata di oggi, il neo Capo di Stato Maggiore è stato ricevuto dal Comandante della Legione Carabinieri "Emilia Romagna", Generale di Brigata Davide Angrisani, nello splendido complesso del Convento di Santa Maria dei Servi, risalente al XIV secolo, che ospita la Caserma “Luciano Manara”, storica Sede dei Carabinieri di Bologna. Il Generale Angrisani nella circostanza, oltre a formulare gli auguri di buon lavoro, ha rivolto all'Ufficiale i suoi complimenti per il nuovo incarico che lo vedrà proprio al suo fianco nell'ambito dell'alto comando felsineo che ha competenza regionale.

Prima di ottenere questo nuovo e importante incarico, Federici ha svolto le funzioni di Capo Ufficio OAIO in seno allo Stato Maggiore bolognese, esperienza lavorativa cui era giunto dopo aver guidato il Comando Provinciale dell’Arma di Mantova subito dopo il termine del suo periodo lavorativo nell’Astigiano. Tra le sue esperienze maturate nell’Arma anche il comando della Compagnia Carabinieri di Fidenza (PR) e di Agrigento.

Il Colonnello Federici, che nell'ambito delle sua esperienze territoriali ha riscosso numerose attestazioni di stima da parte di autorità e popolazione, nel corso degli anni è stato insignito di numerosi riconoscimenti quali la Medaglia d'Argento al Valore Civile, la Medaglia Mauriziana, la Medaglia d’Oro al merito di lungo comando e il titolo di Commendatore della Repubblica. Inoltre è coautore, con il celebre psichiatra e criminologo Alessandro Meluzzi, dei saggi ‘I se e i ma delle investigazioni’ e di ‘Menti insolite’.

Gabriele Massaro

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium