/ Attualità

Attualità | 21 ottobre 2020, 11:40

Dopo il successo del progetto ‘Volontariato in panchina’, il Comune di Asti lancia ‘Adotta una panchina’

In risposta alle numerose richieste da parte di cittadini intenzionati a prendersi cura dell’arredo urbano nei pressi della propria abitazione o attività commerciale

Nella foto, di Efrem Zanchettin-MerfePhoto, alcuni volontari di un'associazione impegnati a rimettere a nuovo una panchina

Nella foto, di Efrem Zanchettin-MerfePhoto, alcuni volontari di un'associazione impegnati a rimettere a nuovo una panchina

Il successo ottenuto dal progetto ‘Volontariato in panchina’ e le diverse richieste da parte dei cittadini finalizzate a prendersi cura di alcune panchine dell’arredo urbano site in prossimità della propria attività commerciale o della propria abitazione, ha spinto l’Amministrazione a considerare la disponibilità ad accogliere eventuali richieste.

Pertanto soggetti pubblici, singoli cittadini, banche, operatori commerciali, parrocchie, enti religiosi, imprese individuali o collettive e chiunque voglia manifestare il proprio interesse, potrà scaricare dal sito del Comune l’apposito modello con cui presentare la propria manifestazione d’interesse, redatta in lingua italiana e sottoscritta digitalmente, oppure mediante firma olografa accompagnata da copia del documento di riconoscimento.

La propria richiesta dovrà pervenire entro le ore 13 del 4 novembre tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da inviare al seguente indirizzo: protocollo.comuneasti@pec.it oppure consegnare a mano all’Ufficio Protocollo del Comune di Asti sito in piazza San Secondo 1. Nell’oggetto della PEC dovrà essere riportata la seguente dicitura: “Iniziativa adotta una panchina”.

Per informazioni e chiarimenti contattare:

-Geom. Gilberto Berlinghieri - 0141/399043 e-mail g.berlinghieri@comune.asti.it

-Geom. Emilietta Prescinotto - 0141/399505 e-mail e.prescinotto@comune.asti.it

“Le iniziative ‘Volontariato in panchina’ e ‘Adotta una panchina’ – affermano il sindaco Maurizio Rasero e l’assessore Mariangela Cotto – sono progetti sperimentali rivolti all’intento di avvicinarsi ad un sempre più ampio sistema di amministrazione condivisa, tema che sta molto a cuore a questa Amministrazione”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium