/ Attualità

Attualità | 23 novembre 2020, 12:59

Anche l’Arma dei Carabinieri aderisce all’iniziativa del Soroptimist a supporto delle vittime di violenza

Mercoledì, Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza, anche il Comando provinciale di Asti si illuminerà di arancione nell’ambito della campagna “Orange the World”

Anche l’Arma dei Carabinieri aderisce all’iniziativa del Soroptimist a supporto delle vittime di violenza

Come accade ogni anno, il Soroptimist International d’Italia sosterrà la campagna internazionale “Orange the World”, promossa da UNWomen e dalla Federazione Europea del Soroptimist per dire no alla violenza contro le donne. Pertanto, da mercoledì 25 novembre, Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza, al 10 dicembre, giornata internazionale per i diritti umani (che coincide con il Soroptimist Day), partiranno i 16 giorni di attivismo per realizzare iniziative ed azioni di sensibilizzazione utilizzando in tutta la comunicazione il colore arancione, simbolo di un futuro senza violenza di genere.

In considerazione che siamo tutti chiamati ad un impegno più concreto e diffuso perché – come indicato dai dati della Unfpa, l'Agenzia delle Nazioni Unite, l’emergenza generata dall’epidemia di Covid 19 e il conseguente lockdown sono stati causa di un aumento esponenziale della violenza alle donne – il Soroptimist e l’Arma dei Carabinieri hanno scelto di proporre una iniziativa volta ad “accendere” l’attenzione direttamente sulla rete volta all’assistenza delle vittime e sui luoghi deputati a proteggerle e ad accoglierle per un percorso di autonomia dai loro maltrattanti.

L’iniziativa prevede che, il 25 novembre, il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e tutti i Comandi Provinciali del territorio nazionale illuminino le proprie sedi quale tangibile segno di vicinanza alla tematica, pubblicizzandone anche la diffusione su tutti i canali social istituzionali.

Le “stanze tutte per se” realizzate nella caserme dei Carabinieri (frutto del Protocollo d'Intesa firmato dall'Arma dei Carabinieri e dall'Unione Italiana Soroptimist: ad oggi ben 170 stanze), sono tra i luoghi che durante la pandemia hanno sempre continuato a contrastare la violenza e ad offrire un porto sicuro con interventi di contrasto e prevenzione. Quindi anche la “stanza” realizzata nella Caserma di Asti si accenderà simbolicamente di arancio, per ricordare a tutti che c’è un luogo sicuro pensato da Soroptimist a cui rivolgersi.

Sarà un messaggio ben visibile, in un momento ancor più difficile cui la pandemia ha tragicamente elevato la violenza domestica e di genere colpendo sempre più mogli e madri e un gesto corale che sottolinea il legame esistente tra le cittadine e i cittadini con i presidi locali.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium