/ Attualità

Attualità | 13 maggio 2021, 19:48

Da Asti un messaggio di piena solidarietà al popolo Israeliano

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma dell’Associazione Italia Israele

L'avv. Luigi Florio, già sindaco di Asti e presidente dell'associazione Italia Israele di Asti, con l'ambasciatore di Israele in Italia

L'avv. Luigi Florio, già sindaco di Asti e presidente dell'associazione Italia Israele di Asti, con l'ambasciatore di Israele in Italia

L’Associazione Italia Israele di Asti esprime la propria solidarietà al popolo israeliano tanto duramente colpito da attacchi terroristici fomentati dall’estremismo palestinese sia interno che esterno ai suoi confini. Invia un particolare affettuoso saluto ai cittadini di Ma’alot Tarshiha, città “gemella” di Asti, in cui vivono da sempre in armonia ebrei, musulmani e cristiani.

Come ha osservato il prof. Dario Peirone dell’Università di Torino, chiunque sia in grado di ragionare senza pregiudizi può comprendere benissimo come non vi sia alcuna ”causa” ascrivibile allo Stato ebraico all’origine dell’escalation della violenza in Medio Oriente, ma come questa costituisca l’ennesima azione terroristica, da tempo pianificata da parte di coloro che hanno come conclamato obiettivo la distruzione di Israele.

Questo terrorismo è frutto anche – e forse soprattutto – dell’incessante guerra interna al mondo islamico, le cui frange estremistiche non tollerano che Israele, attraverso i recenti “Accordi di Abramo”, abbia normalizzato i suoi rapporti con buona parte dei Paesi musulmani e possa proseguire su tale strada.

E’ fin troppo evidente chi in Medio Oriente lavora per la pace e chi per il terrore: da una parte c’è uno Stato democratico, Israele, dove accanto alla maggioranza ebraica vive una consistente comunità musulmana i cui esponenti sono presenti in tutti i gangli dello Stato, dal parlamento alla Corte Suprema; dall’altra ci sono organizzazioni estremistiche governate da autocrati che da oltre 15 anni non indicono elezioni, dichiararono apertamente di mirare alla distruzione di Israele e utilizzano le loro ingenti sostanze non già per il benessere della propria gente bensì per acquistare sofisticati armamenti con cui colpiscono la popolazione civile dello Stato ebraico.

Chiunque nel mondo abbia davvero a cuore la pace e la libertà non può che augurarsi che il terrorismo palestinese venga sconfitto, al pari di ogni terrorismo, inevitabilmente nemico della convivenza pacifica, della libertà e della democrazia.

Associazione Italia Israele

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium