/ Attualità

Attualità | 06 agosto 2021, 14:52

"Vogliono toglierci la libertà!" A poche ore dall'introduzione dell'obbligo, anche i 'no pass' Astigiani sul piede di guerra

E' già virale sul web una mappa con le attività 'ribelli' di tutta Italia, che però presenta più di un'imprecisione riguardo l'Astigiano

Immagine generica green pass ristorazione

A poche ore dall’introduzione dell’obbligo di green pass (CLICCA QUI per rileggere l'articolo a riguardo) per poter usufruire di gran parte dei servizi comuni nella quotidianità, dall’andare al ristorante a visitare un museo, sul web è già comparsa una mappa, già diffusa in modo virale in molti gruppi WhatsApp e Telegram frequentati da attivisti “no vax e no pass”, con l’elenco di tutte le attività che, citiamo dalla mappa: “obbediscono alla Costituzione esercitando il proprio diritto al lavoro e che non accettano limitazioni non giustificate”.

Ovvero, per quanto non scritto esplicitamente, non richiedono e non richiederanno il green pass per accedere. O che, più correttamente, potrebbero non richiederlo. Scorrendo la mappa alla ricerca di attività ‘no pass’ nell’Astigiano, il condizionale diventa d’obbligo perché due delle tre indicate sono studi medici. Attività per le quali, nel pieno rispetto del diritto alla salute, non viene richiesto il green pass.

LA DOTTORESSA INSERITA IN LISTA A SUA INSAPUTA

E non è tutto… “Al netto che, a quanto mi risulta, gli studi medici non hanno l’obbligo di richiedere il green pass, non so assolutamente nulla di questa lista. Me lo comunica lei ora”. Così la dottoressa Patrizia Falconelli, uno dei due medici con studio in città inseriti nella lista visionabile a questo indirizzo (APERTI E LIBERI - Google My Maps)

“Sono un medico e in quanto tale ovviamente vaccinata – ha aggiunto – e ho il mio green pass anche perché vorrei poter fare un minimo di vita sociale. Io continuerò a portare avanti, come ho sempre fatto, le misure di sicurezza che ci sono fin dal principio dell’epidemia, chiedendo ai miei pazienti se hanno febbre o tosse di rimandare l’appuntamento. Però, per certo, non posso e non voglio impedire l’accesso allo studio sulla base del green pass, ha affermato la dottoressa anticipandoci la volontà di chiedere che il suo nominativo venga rimosso dalla mappa.

IL GELATAIO 'BARRICADERO': "VOGLIONO TOGLIERCI LA LIBERTA'"

Anch’egli ignaro di trovarsi su quella mappama, a differenza della dottoressa Falconelli, ben felice di esserci – anche il titolare della gelateria “L’Orchidea” di corso Savona che, tra più di una ‘scivolata’ sulle norme costituzionali, ha dichiarato quanto segue.

“Non ne so nulla di liste, ma sono d’accordo perché rispetto la Costituzione Italiana e quindi non applico questo. Draghi non ha dato conferma di quello che succede, perché non è stato deliberato dalle Camere. Passaggio in realtà non necessario poiché, in stato di emergenza, l'Esecutivo può deliberare autonomamente su questi temi.

“Quindi – ha rincarato la dose non è obbligatorio, per legge, indossare le mascherine o avere il green pass. E’ l’articolo 16 della Costituzione (relativo l'inviolabilità della libertà di circolazione che però, nella seconda parte, enuncia "salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza", ndr.), che verrebbe violata se il governo deliberasse quella norma e si potrebbe tranquillamente denunciare Draghi”.

Inamovibile, anche quando gli abbiamo fatto presente che la realtà è ben diversa e che la mancata richiesta di verifica del green pass comporta pesanti sanzioni tanto per l’esercente quanto per il cliente: Aspetto solo che vengano a chiedermi un green pass e io lo porto in Tribunale. Davanti a una lettera di licenziamento o una bara lei cosa sceglie? E’ una violazione delle persone… i nostri nonni hanno combattuto una guerra per la libertà che ora vogliono toglierci”.

Gabriele Massaro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium