/ Eventi

Eventi | 22 marzo 2022, 13:12

Asti ospiterà il raduno nazionale della “Associazione Nazionale Capo Matapan – Mare Nostrum”

Organizzazione composta dai familiari degli oltre 2.300 militari italiani che morirono in uno scontro marittimo durante la seconda guerra mondiale

La nave da battaglia Vittorio Veneto colpita da un siluro durante lo scontro a Capo Matapan - Immagine tratta da Wikipedia

La nave da battaglia Vittorio Veneto colpita da un siluro durante lo scontro a Capo Matapan - Immagine tratta da Wikipedia

Sabato e domenica prossimi, la città di Asti ospiterà il raduno nazionale dei familiari delle vittime della battaglia fra unità della Regia Marina e Britanniche, avvenuto la notte tra il 28 e il 29 marzo 1941 nelle acque prospicienti Capo Matapan (Grecia), nel quale persero la vita oltre 2.300 militari italiani.

Fra loro, tantissimi furono i dispersi, che mai poterono ritornare alle loro famiglie, le quali continuarono disperatamente ad aspettarli. Molti dei pochi superstiti finirono nei campi di concentramento alleati dove, con dignità, continuarono a essere “Marinai italiani”.

Pochissimi furono quelli che si salvarono, a prezzo di giorni d’indicibili sofferenze, su poche zattere che riuscirono a essere ammarate. In molti casi affidando a Dio le proprie sorti recitando, per loro e per i moribondi, la famosa “Preghiera del Marinaio”.

Il raduno astigiano, di cui alleghiamo il programma completo, è organizzato dalla “Associazione Nazionale Capo Matapan – Mare Nostrum”, che li raccoglie e onora, con la collaborazione delle locali Federazione del Nastro Azzurro e il Gruppo dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia.

Files:
 Raduno Nazionale Capo Matapan - Programma completo 01 (370 kB)

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium