/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 04 agosto 2022, 09:00

L'assistenza legale post mortem delle onoranze funebri Imola

La burocrazia diventa più facile da affrontare con onoranze funebri Imola.

L'assistenza legale post mortem delle onoranze funebri Imola

Subito dopo il decesso la famiglia della persona che è venuta a mancare dovrà affrontare una serie di incombenze burocratiche. Alcune di esse saranno propedeutiche per la preparazione del funerale e quindi tempestive, per poter realizzare il rito funebre.

Altre invece sono posticipabili a dopo il funerale ma devono comunque essere affrontate con attenzione e competenza, per non incorrere in errori che potrebbero allungare di molto le pratiche.

Per evitare che questi errori accadano e per facilitare il compito, le onoranze funebri Imola hanno deciso di mettere a disposizione dei propri clienti e assistiti un servizio di assistenza legale post mortem.

La burocrazia diventa più facile da affrontare con onoranze funebri Imola

Ci sono una serie di richieste e di pratiche da svolgere e diversi uffici da chiamare o in cui recarsi. Gli esperti di Taffo delle onoranze funebri Imola, conoscendo già tutte le procedure e avendo contatti con gli uffici citati, potranno accorciare i tempi e facilitare lo svolgimento del rito funebre.

La prima cosa da fare quando una persona muore in casa è chiamare subito il medico curante o in sostituzione chi di competenza. Questa figura si recherà sul luogo del decesso è dovrà redigere il certificato di morte e il modulo istat che dovrà contenere: i dati anagrafici, età nel preciso momento della morte, le cause che hanno condotto al decesso e la firma e il timbro del medico.

Questo processo è definito visita necroscopica ed è necessario affinché l’ufficio preposto cancelli dai registri anagrafici la persona che è venuta a mancare.

Prima di poter chiudere la bara però dovrà passare un certo periodo di tempo (15 ore solitamente) per validare lo stato di morte.

A questo punto, in base a ciò che la famiglia del defunto sceglierà fra sepoltura o cremazione (con eventuale dispersione delle ceneri) bisogna procedere con le richieste opportune agli uffici di Stato Civile del Comune per ottenere i permessi. Anche nell’eventualità in cui si volesse trasportare la salma fuori dal comune di residenza bisognerà trasmetterne richiesta e ricevere il permesso prima di farlo.

Anche l’INPS, la banca, gli enti statali e comunali dovranno ricevere comunicazione per interrompere eventuali pensioni, forniture elettriche, di gas, e stipulare il patrimonio e i diritti di successione.

Le altre pratiche post mortem, se la morte è avvenuta per incidente sono da affidare completamente ai legali di Taffo, che potranno farti ottenere un funerale gratuito il cui costo verrà poi coperto dal premio di assicurazione di cui si occuperanno loro al 100%.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium