/ Cronaca

Cronaca | 17 novembre 2022, 14:21

Richiamato un lotto di würstel Fiorucci per un allergene non dichiarato in etichetta

Il prodotto, del tutto innocuo per i non allergici potrebbe potenzialmente contenere proteine delle uova

Una confezione di wurstel Suillo

Una confezione di wurstel Suillo

Per tramite di una nota pubblicata sul proprio portale dedicato agli “Avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori”, il ministero della Salute ha comunicato il rischiamo, correlato alla presenza di allergeni non documentati in etichetta, di un lotto di würstel del marchio “Fiorucci”.

Nel dettaglio, il provvedimento riguarda un lotto (lo 02441 - TMC 09/01/2023) di “Wurstel Suillo” in confezioni da 250 grammi, poiché potrebbe potenzialmente contenere proteine delle uova, allergene non dichiarato sull’etichetta. Il prodotto è stato confezionato nello stabilimento di Pomezia (RM) della “Cesare Fiorucci Spa”.

Naturalmente chi è allergico alle uova e alle loro proteine è meglio che eviti di consumare il prodotto – riportando la confezione presso il punto vendita dove la si è acquistata per ottenere il rimborso – che è invece del tutto innocuo per chi non ha questa specifica allergia.

 

LE NORME EUROPEE A TUTELA DEI CONSUMATORI

Il ministero della Salute ricorda che, al fine di supportare i cittadini nel fare scelte d’acquisto informate e sicure, il Regolamento (UE) 1169/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, impone l'obbligo, negli alimenti pre-imballati e non, di segnalare la presenza dei 14 allergeni riportati in etichetta.

Si tratta di cereali contenenti glutine (grano, orzo, segale, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati), crostacei e derivati, uova e derivati, pesce e derivati, arachidi e derivati, soia e derivati, latte e derivati, frutta con guscio (mandorle, nocciole, noci, anacardi, pistacchi), sedano e derivati. E poi, ancora, senape e derivati, sesamo e derivati, anidride solforosa e solfiti in concentrazione superiore a 10 mg/kg o mg/l, lupini e derivati ed infine molluschi e derivati.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium