/ Cronaca

Cronaca | 30 novembre 2022, 13:16

Nuovi appuntamenti per la campagna anti truffe promossa dalla Questura di Asti

Gli incontri sono in programma al circolo degli Alpini e presso la sede astigiana di Confartigianato

La locandina dell'iniziativa della Questura

La locandina dell'iniziativa della Questura

Dopo gli appuntamenti dell’8 e 22 novembre, ospitati rispettivamente presso la parrocchia di Nostra Signora di Lourdes e il circolo di villaggio San Fedele, domani, alle 21, il ciclo di incontri della campagna di sensibilizzazione promossa dalla Questura di Asti per le prevenzione delle truffe agli anziani denominata “Non siete soli… Chiamateci Sempreproseguirà con un appuntamento in programma al circolo degli Alpini in corso XXV Aprile 71, e, lunedì 5 dicembre, sempre con identico orario, della sede della Confartigianato di piazza Cattedrale, ultimo degli incontri programmati.

Spetterà a due giovani funzionari della Questura, già presenti ai primi incontri, illustrare ai presenti come tutelarsi dal rischio delle truffe, suggerendo pochi ma semplici accorgimenti per evitare che malintenzionati possano approfittare della buona fede delle persone più indifese. Il tutto con il supporto di slides, filmati ed il racconto di storie realmente accadute, al fine di sensibilizzare i presenti al confronto e al dialogo, superando il comprensibile pudore ad aprirsi per non essere giudicati.

Come per il passato, saranno anche distribuite brochures contenenti un vero e proprio decalogo di comportamenti da seguire per proteggersi dai truffatori, e soprattutto il suggerimento di non abbassare mai il livello di attenzione, sia in casa che in strada, ricordando sempre che, per ogni evenienza, anche solo per segnalare un semplice sospetto, è buona norma contattare immediatamente il 112 (Numero Unico di Emergenza).

La campagna, fortemente voluta dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, proseguirà anche nel nuovo anno e sarà sempre incentrata sul confronto e sul dialogo, affinché le persone più “adulte” possano sentirsi veramente utili e collaborino con le Forze dell’Ordine nel contrasto a reati che vanno anche a mortificare la dignità delle persone.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium