/ Sanità

Sanità | 10 agosto 2023, 13:00

Sanità: l'abbandono della professione infermieristica sta assumendo dimensioni preoccupanti

A lanciare l'allarme il Nursind Piemonte: "Manca un piano, non c’è una visione e nessuna programmazione"

Sanità: l'abbandono della professione infermieristica sta assumendo dimensioni preoccupanti

Sanità: preoccupanti i numeri sull'abbandono della professione infermieristica. Le riflessioni di Nursind Piemonte

Sappiamo che senza un numero sufficiente di infermieri e in assenza di una seria programmazione, non vedremo nè case e tanto meno ospedali di comunità indicate come la soluzione alle criticità del nostro sistema sanitario e previste dal Pnrr.

E’ anche certo che le politiche di reclutamento del personale attualmente disponibile con le risorse messe a disposizione dalla Regione che dovremmo ancora vedere, non basteranno a soddisfare nemmeno il fabbisogno necessario degli ospedali, nell’emergenza, ancorché a potenziare l’assistenza domiciliare.

E’ ormai anche evidente come l’ abbandono della professione e l’allontanamento dal servizio sanitario nazionale sta assumendo dimensioni preoccupanti.

Ogni giorno, qualcuno lascia e sommando questo dato all’ uscita per pensionamenti, attualmente sono molto di più quelli che escono rispetto a quelli che entrano o meglio che probabilmente entreranno.

Una forbice che tenderà ad allargarsi in futuro, anche per un secondo fattore, non da poco conto.

Infatti, i posti universitari a disposizione per infermieri non si riempiono e tra gli iscritti, solo il 75% finisce gli studi. Quindi, tenuto conto anche di questo importante elemento che dovrebbe far riflettere e non poco, perdiamo e pensioniamo più infermieri di quante ne formiamo.

D’altro canto Italia e il Piemonte ancor di più è uno dei paesi più anziano del mondo dove prevalgono patologie croniche e fragilità che richiedono poche prestazioni cliniche e lunghi percorsi assistenziali che prevedono un numero considerevole di infermieri per affrontarle.

Nei pronto soccorso l’80% dei pazienti sono codici bianchi e verdi, ovvero non emergenze, separare i pazienti leggeri da quelli gravi, lasciando solo i secondi al lavoro del medico specializzato in emergenza/urgenza sarebbe la risposta, come lo faremo non è dato sapere. Un analisi che non dovrebbe lasciare dubbi a chi è chiamato a responsabilità di governo. Manca un piano, non c’è una visione e nessuna programmazione.

Da parte nostra, in Piemonte, non staremo a guardare, con la ripresa dei lavori metteremo in campo una stagione d iniziative a sostegno di proposte concrete ma anche di rivendicazioni per situazioni che non siamo più disponibili ad accettare, coinvolgendo tutti coloro che hanno delle responsabilità a proposito.

Segreteria Regionale Nursind Piemonte

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium