/ Attualità

Attualità | 20 settembre 2023, 10:05

Mobilità sostenibile: a che punto è il progetto di ciclo-stazione? [DOCUMENTO]

Lo chiede il Consigliere PD Michele Miravalle, a fronte di un progetto fermo da 2 anni e mezzo

Binari della stazione di Asti

Binari della stazione di Asti

Il tema della mobilità sostenibile è sempre più di stretta attualità e la stessa Amministrazione astigiana si è più volte detta estremamente attenta alla problematica.

Ciò nonostante, stando a quanto comunicato dal Consigliere PD Michele Miravalle, dal marzo 2021 un progetto di fattibilità tecnica-economica per realizzare di una ciclo-stazione – cioè un parcheggio per bici e monopattini con circa 300 postazioni coperte e videosorvegliate nei locali della stazione ferroviaria di Asti – “giace in qualche cassetto del Comune”.

“La ciclo-stazione è il necessario completamento della rete di poste ciclabili realizzato dal Comune, non senza polemiche – argomenta Miravalle – Senza un luogo sicuro dove parcheggiare la propria bicicletta è molto difficile che le centinaia di pendolari che ogni mattina partono da Asti con il treno scelgano un mezzo alternativo all’auto. Di quella ciclo-stazione ad oggi non c’è però traccia e i locali della stazione rimangono desolati e vuoti, ad altissimo rischio vandalizzazione”.

Poiché tutto sembra essere perfettamente in ordine (“Dalle carte pare tutto pronto per partire, ci sono i preventivi di costo pari a 170 mila euro, coperti da finanziamenti ministeriali, ci sono addirittura le foto e i disegni di come dovrebbe diventare con le rastrelliere a due piani, proprio come nelle città olandesi, i locali (160 metri quadri) dove realizzare la ciclo-stazione erano stati individuati, perché nulla si muove?" Si chiede ancora il consigliere PD, che al riguardo ha depositato un interpellanza in Giunta.

“Intanto gli astigiani-ciclisti più intrepidi che già oggi scelgono di arrivare in stazione in bici si devono contendere le poche rastrelliere a disposizione e non sanno se ritroveranno la loro bicicletta integra al loro ritorno, aggiunge ancora Miravalle.

Concludendo: “Avere buone idee non basta, serve realizzarle”

IN ALLEGATO, IL FILE PDF RELATIVO LO STUDIO DI FATTIBILITA' DEL PROGETTO
Files:
 Studio di fattibilità ciclo-stazione Asti (2.1 MB)

Gabriele Massaro


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium