/ Politica

Politica | 19 novembre 2023, 18:45

Il Piemonte vara la "squadra speciale" per trovare nuovi 'gioielli' e capitali dopo Coca Cola, Cartier e Google

Operativo da un anno in Regione, si amplia il Team Attrazione per rispondere con un'unica interfaccia a nuovi investitori e grandi capitali. Cirio: "Dobbiamo dare risposte semplici a chi si interessa a noi"

Il Piemonte vara la "squadra speciale" per trovare nuovi capitali dopo Coca Cola, Cartier e Google

Il Piemonte vara la "squadra speciale" per trovare nuovi capitali dopo Coca Cola, Cartier e Google

La Coca-Cola che ha investito 30 milioni ed ha riaperto il sito di Gaglianico per produrre bottiglie in PET riciclato, Cartier che ha inaugurato a Torino la sua nuova fabbrica (in un sito costato 25 milioni di euro dove lavorano 450 persone di cui 120 appena assunte) e poi Bulgari a Valenza o Google Cloud che, ancora a Torino, ha scelto di collocare la sua seconda cloud region d'Italia. 

Torino e il Piemonte piacciono ai capitali esteri, e i numeri lo confermano: la regione raccoglie oggi circa il 10% del totale nazionale degli investimenti diretti esteri, classificandosi al terzo posto, dopo Lombardia e Veneto, per numero di aziende estere operanti sul territorio. Ma ora c'è una squadra speciale in più, per fare ancora meglio e accendere nuovi riflettori su queste dinamiche. 

Tanti scelgono il Piemonte 

Qui sono localizzate più di 1.300 aziende a controllo estero che, pur rappresentando solamente l’1,3% del totale delle unità locali in Piemonte, contribuiscono per circa l’8% dell’occupazione regionale, con un totale superiore ai 150.000 addetti, e un valore aggiunto di 11,8 miliardi di euro (il 18% del totale regionale) e 46,2 miliardi di euro di fatturato (il 20% del totale regionale). Secondo i dati di Ceipiemonte, il Centro estero per l’Internazionalizzazione, negli ultimi due anni (2021-2022), sono stati avviati o annunciati 37 nuovi progetti di investimento, per un valore investito di oltre 500 milioni di euro.

Una task force in missione "straniera"

Insomma, tra nuovi arrivi di chi non è mai stato qui e chi sceglie di tornare (il cosiddetto "reshoring"), le cose sembrano andare per il verso giusto. Ma la Regione vuole insistere nell'attività di intercettare, accompagnare e supportare potenziali investitori. Questo è il compito del Team attrazione, il gruppo di lavoro che si propone come interlocutore unico nei confronti di nuovi potenziali investitori, per semplificare l’azione a supporto degli investimenti e razionalizzare l’attività delle strutture regionali e degli enti strumentali. E che ora su apre anche agli altri enti locali, associazioni di categoria, Camere di Commercio, sistema universitario, della ricerca e della formazione.

"Lo strumento è già operativo, ma oggi assume una forma nuova e più forte in un Paese complicato - dice il governatore del Piemonte, Alberto Cirio - Quando vogliamo confrontarci cin un'azienda che ha una necessità, dobbiamo essere pronti a dare risposte veloci ed efficaci. La burocrazia invece scoraggia più delle tasse. Chi ha risorse da investire ha bisogno di certezze, di stabilità e di leggi chiare. Vogliamo proporre uno sportello unico per le imprese a livello superiore".

"Sulla candidatura per Intel abbiamo lavorato per quasi due anni, mettendo 40 persone a disposizione. E loro volevano un interlocutore solo. Anche per questo siamo ancora in corsa con un solo antagonista", sottolinea Cirio, riferendosi al Veneto.

Gli strumenti sul tavolo 

Accanto a ciò che già ha funzionato fin qui, la missione di far bello il Piemonte agli occhi stranieri passa anche da nuovi strumenti: a settembre 2023 è stato aperto il bando Swich per sostenere ricerca e sviluppo con una dotazione programmatica complessiva di 250 milioni di euro, e un primo bando da 80 milioni.

A ottobre ha aperto lo sportello del bando del FESR 2021-2027 “Attrazione e sostegno della propensione agli investimenti nel territorio” con una dotazione di 35 milioni ed entro la fine dell’anno è prevista l’apertura della nuova edizione dei contratti di insediamento destinati alle grandi imprese da oltre 10,6 milioni  edizione dei contratti di insediamento, per favorire l’atterraggio o lo sviluppo di investimenti, attraverso la realizzazione di nuovi insediamenti o l’ampliamento di sedi già presenti in Piemonte.

"Quanto presentato oggi dalla Regione Piemonte è certamente una iniziativa apprezzabile e importante. E' forse la prima volta che si cerca davvero di fare sistema sul territorio con uno sguardo internazionale - dice Antonino Giustiniani, Api Torino e Confapi Piemonte -. L'operazione potrà riuscire, però, solo se seguirà logiche reali di sistema e di coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali ed economici che possono  dare un valido contributo in termini di idee e di produzione. Il sistema delle PMI che Confapi Piemonte rappresenta, e che conta migliaia di aziende con un patrimonio di cultura industriale importante, è naturalmente pronto a fare la sua parte".

redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium