/ Attualità

Attualità | 27 febbraio 2024, 09:06

Domeniche senz'auto, la minoranza: "Perchè tante macchine in piazza Alfieri nonostante i divieti?"

I consiglieri chiedono lumi anche sulla nuova disposizione del Mercatino dell'Antiquariato, spostato all’interno di Piazza Alfieri

La nuova disposizione del mercatino dell'antiquariato (Merphefoto)

La nuova disposizione del mercatino dell'antiquariato (Merphefoto)

I consiglieri comunali di minoranza di Asti, rappresentanti del Partito Democratico, Prendiamoci Cura di Asti, e Europa Verde – Verdi Asti, tra cui Ferlisi, Sutera, Crivelli, Migliasso, Miroglio, Vercelli, Miravalle e Saracco, hanno presentato una serie di domande all’amministrazione comunale riguardo l’organizzazione della “Domenica senza auto” del 25 febbraio.

Per la terza domenica consecutiva, la città ha organizzato una giornata senza auto. Tuttavia, nonostante il divieto di parcheggio in Piazza Alfieri e nelle vie limitrofe (Corso alla Vittoria e Corso Einaudi), il traffico era intenso, affermano i consiglieri che chiedono spiegazioni sull’inefficacia del divieto.

Inoltre, in Piazza Alfieri si è svolto il tradizionale mercatino dell’antiquariato. Per la prima volta, il mercatino, anziché essere posizionato attorno a Piazza Alfieri e in Piazza Libertà, era concentrato nella parte di Piazza Alfieri adiacente alla statua di Vittorio. Questo spostamento ha causato un divieto di parcheggio in Piazza Alfieri.

I consiglieri chiedono all’Amministrazione comunale di spiegare perché, nonostante il divieto, "Piazza Alfieri fosse piena di macchine e perché non sia stato vietato l’accesso, creando un traffico intenso di auto alla ricerca di parcheggio. Inoltre, chiedono perché, avendo Piazza del Palio disponibile per il parcheggio, non sia stato inibito il traffico veicolare in Piazza Alfieri".

I consiglieri suggeriscono che potrebbe essere utile, nelle domeniche senza auto, limitare il traffico di Corso Dante fino a Largo Martiri della Liberazione, evitando così il passaggio in Piazza Alfieri.

Infine, i consiglieri chiedono spiegazioni sul perché "il Mercato dell’antiquariato sia stato concentrato all’interno di Piazza Alfieri, spezzando di fatto il percorso Mercato dell’antiquariato/Mercato del biologico in Via Garibaldi e penalizzando in particolare quest’ultimo".

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium