/ Il Punto di Beppe Gandolfo

Il Punto di Beppe Gandolfo | 15 aprile 2024, 07:00

Una fetta di Piemonte a rischio estinzione

"Meno abitanti significherà minore mercato interno, dunque più bassi consumi ma anche investimenti inferiori".

Una fetta di Piemonte a rischio estinzione

Entro il 2040 il Nord Italia potrebbe avere quasi 2 milioni e mezzo di residenti in meno rispetto agli attuali: si passerà dai 27,4 milioni di abitanti del 2023 a 25,1 milioni. Gli effetti si vedranno specie in Lombardia (-673mila), Piemonte (-493mila) e Veneto (-387mila). Nel Nord-est la riduzione sarà di 939mila persone, nel Nord-ovest di 1,4 milioni. La discesa sarà fin da subito rapida: -143mila unità all'anno nei prossimi sette anni in tutto il Nord Italia.

Non si tratta di ipotesi o di previsioni catastrofiche… Tutto questo, se non ci saranno nuove migrazioni o una decisa inversione nelle nascite. Questa, infatti, è la semplice analisi matematica, tenendo conto del calo di nascite registrato negli ultimi decenni.

I tecnici la chiamano “glaciazione demografica” e se volessimo applicarci al gioco del "cancella la città", ovvero una lista del tutto soggettiva di città e centri che potrebbero 'sparire', se la perdita di abitanti fosse concentrata in esse, in Piemonte diverrebbero disabitate Alessandria, Asti, Cuneo, Moncalieri, Collegno, Rivoli, Nichelino, Vercelli e Biella.

La diminuzione della popolazione non sarà uniforme; saranno i centri più remoti e isolati, con minori servizi (sanità, scuole) e più basse prospettive di lavoro e vita sociale, a pagare il conto più salato. L'abbandono di questi luoghi farà venire meno, ad esempio, la manutenzione dei boschi e dei terreni, con conseguente aumento del rischio idrogeologico. 

Meno abitanti significherà minore mercato interno, dunque più bassi consumi ma anche investimenti inferiori. Ci saranno sempre più anziani e diminuzione dei giovani; il mercato immobiliare subirà un forte contraccolpo, così come l'accumulo dei risparmi privati. La 'glaciazione' influirà naturalmente sui consumi: meno pannolini per neonati, più ausili sanitari per i vecchi.

Facendo sempre meno figli e cercando di evitare l’arrivo di nuovi migranti il destino è segnato. Poi non dite che non ce l’avevano detto.

Beppe Gandolfo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium