/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 21 aprile 2024, 09:20

Serra di Capriglio inaugura 'Piazzetta Giuseppe Rapelli'

Il Padre costituente, originario di Castelnuovo don Bosco è sepolto nel cimitero del paese

Alcuni momenti della cerimonia

Alcuni momenti della cerimonia

Da ieri pomeriggio lo specchio di piazza nel cuore della frazione Serra di Capriglio sulla quale si affacciano la chiesetta, la sede della Società di Mutuo Soccorso e il peso non è più anonima, ma si chiama “Piazzetta Giuseppe Rapelli”. 

Da Castelnuovo Don Bosco 

Capriglio ha così voluto rendere omaggio al Padre Costituente originario di Castelnuovo Don Bosco sepolto nel cimitero del piccolo paese dove ha vissuto i primi anni della sua vita presso la famiglia Agagliate, come “fratello di latte” di Matteo e Maria Luigia (il primo sarebbe diventato sacerdote salesiano insegnante alla Scuola Agraria di Lombriasco, la seconda avrebbe ricoperto a lungo l’incarico di maestra del paese e sarebbe anche stata eletta prima sindaco donna dell’Astigiano).

L'onore dei presenti 

Fra coloro che hanno accettato l’invito del sindaco Tiziana Gaeta e dell’amministrazione comunale di Capriglio ad assistere alla cerimonia di intitolazione, particolarmente gradita la presenza del dottor Paolo Mastrocola, alto funzionario della Prefettura di Asti che a Capriglio, circa 20 anni fa, ricoprì l’incarico di commissario prefettizio.

 Presenti anche il vice presidente regionale Fabio Carosso e l’europarlamentare Alessandro Panza che hanno sottolineato la vitalità dei piccoli comuni e l’importanza di non disperdere la memoria di luoghi e persone.

Presenti anche numerosi sindaci della zona e i comandanti della stazione carabinieri di Montafia e della Compagnia di Villanova.

Fra il pubblico erano presenti due cugini dell’onorevole Rapelli, Gianluigi e Sergio Omegna che insieme a Virginia Arato ben ricordano anche l’aspetto più intimo e famigliare di quello che per loro era semplicemente Giuseppe. 

Appositamente da Trieste sono giunti anche Giorgio Paolucci con la moglie Elena e  Tommaso; Paolucci è il cognato di Giovanni, figlio di Giuseppe, che insieme alla moglie Anna Laura Passera visse per circa 7 anni a Capriglio, nella casa che la storica maestra lasciò loro in eredità.

Una lunga carriera politica

Prima della scopertura della targa segnaletica, è stato fatto un breve ritratto di chi fu l’onorevole Rapelli, Padre Costituente che, in seno alla Commissione dei 75 lavorò agli articoli sull’istituzione del sindacato e sul diritto di sciopero dei lavoratori.

 L’inizio di una lunga carriera politica terminata a metà degli Anni Settanta. La solida amicizia con la sorella di balia Maria Luigia Agagliate consentì a Capriglio di avere, prima di altri Comuni anche più grandi, strade asfaltate e acqua potabile nelle case.

La biografia completa di Giuseppe Rapelli e le principali indicazioni della sua vasta produzione di scritti e pubblicazione è stata rinviata ad un Quaderno pubblicato per l’occasione dalla Biblioteca Maria Luigia Agagliate curato da Daniela Peira in collaborazione con il presidente Diego Occhiena, in distribuzione al termine della cerimonia.

Cerimonia dedicata ad un Padre Costituente che non poteva concludersi in modo migliore con  la consegna, da parte di Gian Ariano e di Eraldo Gatto a nome del Lions Club di Castelnuovo Don Bosco Alto Monferrato di una copia della Costituzione e del tricolore ai neo diciottenni del paese: Chiara Bacco, Maddalena Banone, Francesca Bruni e Giovanni Garbarini.

Comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium