/ Politica

Politica | 11 giugno 2024, 12:10

Ebarnabo, Biglia e Isnardi verso il consiglio regionale del Piemonte [DOCUMENTI]

Oltre a queste new entry, torneranno a Palazzo Lascaris anche Carosso e Gabusi, entrambi nel ‘listino del presidente’

Nel collage fotografico, da sinistra a destra: Sergio Ebarnabo, Debora Biglia e Fabio Isnardi

Nel collage fotografico, da sinistra a destra: Sergio Ebarnabo, Debora Biglia e Fabio Isnardi

Archiviati i risultati delle urne, che anche alle Regionali hanno massicciamente premiato la coalizione di centrodestra (oltre un milione di voti, pari al 56,13% delle preferenze espresse) e la stessa lista del presidente Cirio (202.294 voti, ovvero il 12,23% della totalità dei voti dei piemontesi), si iniziano a fare i conti per la composizione del futuro Consiglio Regionale, che sarà composto dal presidente Cirio e da 50 consiglieri.

Di questi, sulla base dei risultati delle elezioni alla maggioranza ne spetteranno 30 (con soglia di maggioranza fissata a 26) mentre ovviamente i restanti verranno assegnati alle opposizioni. Più nel dettaglio, Fratelli d’Italia – Giorgia Meloni potrà contare su 11 consiglieri, 6 andranno al listino del presidente, 5 alla Civica Cirio presidente, 4 ciascuno alla Lega e a Forza Italia. 

Nell’opposizione la ‘parte del leone’ la farà il Partito Democratico con 12 consiglieri, seguito da Alleanza Verdi Sinistra e Movimento 5 Stelle con 3 ciascuno e da Stati Uniti d’Europa e Civica Pentenero presidente con un consigliere a testa.

Seggi che naturalmente dovranno essere ripartiti tra esponenti di tutta la regione, sulla base dei risultati elettorali conseguiti. Il che, guardando alla realtà astigiana, dovrebbe “tradursi” in 2 consiglieri di maggioranza (uno ciascuno per Fratelli d’Italia e Forza Italia) e uno per il Partito Democratico.

Guardando alle preferenze ottenute, ciò dovrebbe comportare l’ingresso a Palazzo Lascaris di Sergio Ebarnabo (1.383 voti personali a fronte degli 869 ottenuti da Carlotta Accomasso) per Fratelli d’Italia; Marco Gabusi (4.655 preferenze, contro le 1.112 ottenute da Debora Biglia) per Forza Italia e l’ex sindaco di Calamandrana Fabio Isnardi (2.524 voti a fronte dei 1.261 ottenuti dalla collega di partito Maria Ferlisi) per il Partito Democratico.

Nel conteggio va però tenuto conto che il nome di Gabusi – già sindaco di Canelli, presidente della Provincia di Asti e assessore regionale uscente – compariva anche nel ‘listino del presidente’ insieme a quello di un altro astigiano doc, ovvero il vicepresidente regionale uscente Fabio Carosso (per lui, candidato di punta del Carroccio, 4.499 preferenze).

Pertanto, qualora Gabusi optasse per accedere al Consiglio mediante ‘listino’, si libererebbe un’ulteriore poltrona per Forza Italia che verrebbe occupata da Debora Biglia, consulente assicurativa e consigliera comunale ad Asti, dove da molti anni è impegnata politicamente nelle file del partito fondato da Silvio Berlusconi.

Files:
 SEGGI Elezioni Regionali 2024 (80 kB)
 SEGGI PROVINCE Elezioni Regionali 2024 (189 kB)

Gabriele Massaro


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium