/ Regione

Regione | 11 dicembre 2018, 20:00

Le idee regalo di Mazzetti d'Altavilla: distillati preziosi

Sotto l'albero quest'anno un'idea originale. Le grappe di Moscato, di Ruchè, di Barbera per abbinamenti insoliti...a km 0!

Le idee regalo di Mazzetti d'Altavilla: distillati preziosi

Giornate di ricerca del regalo originale anche nell’astigiano.

Ma quali sono i prodotti più modaioli per il Natale 2018? Se le nuove tendenze inducono a guardare al territorio e a regali km0 e originali, nel settore agroalimentare c’è una tipicità locale che sta registrando un rinnovato interesse: i distillati.

Il bilancio positivo di questa stagione arriva già con anticipo rispetto alla chiusura dell’annata natalizia dalla grapperia più storica del Piemonte: Mazzetti d’Altavilla – Distillatori dal 1846. Forte della sua posizione molto vicina al territorio astigiano, una parte considerevole delle grappe prodotte in cima alla collina di Altavilla Monferrato derivano da vinacce astigiane.

E dunque quali sono le grappe più richieste dalla clientela locale e maggiormente degustate presso la sede della distilleria?

A vincere il duello resta sempre l’aromatica per eccellenza, un vero simbolo della distillazione astigiana: il Moscato. La fruttata e amabile Grappa di Moscato piace e attira sempre più l’attenzione anche di persone non ancora vicine al mondo dei distillati. Non è un caso che nell’astigiano vi siano locali che la utilizzano anche in una nuova e aromatica miscelazione, come il barman Nicola Mancinone dei Gatti Randagi, selezionato anche nel Calendario Artistico 2018/19 di Mazzetti d’Altavilla dedicato appunto ai cocktail con distillati piemontesi. A partire dalla Grappa di Moscato Mazzetti d’Altavilla ha da poco lanciato una novità: 1786, ossia una Grappa di Moscato che termina l’invecchiamento in botti precedentemente usate per il Vermouth di Torino (la data è infatti quella della prima fondazione del tipico Vermouth da parte di Antonio Benedetto Carpano). Una chicca davvero molto astigiana.

Ma un interesse crescente in questi ultimi anni è stimolato dalla Grappa di Ruchè: Mazzetti d’Altavilla ne ha fatto un vero e proprio portabandiera piemontese creando la Grappa 7.0 (sette come i comuni dove è coltivato il Ruchè e come le generazioni della Famiglia Mazzetti e zero come i km percorsi dalla vinaccia per essere distillata e come l’impatto ambientale degli impianti di Mazzetti d’Altavilla). Impossibile dimenticare il vitigno rosso per eccellenza: parliamo della Barbera, dai sentori di prugna e amarena.

Ma al di là dei regali, come utilizzare le grappe astigiane sulle tavole natalizie delle prossime settimane? Mazzetti d’Altavilla, oltre a lavorare intensamente sulle possibilità di attenta miscelazione, ha dato avvio ad uno studio sulle opportunità di accostamento gastronomico per creare abbinamenti di esaltazione di profumi ed aromi specifici o di contrasto fra distillati e alimenti molto differenti che si compensano nei loro eccessi l’un l’altro.

E dunque come proporre al meglio (oltre al classico uso dopo pasto) i distillati più rappresentativi dell’astigianità?

Con la Grappa di Moscato Invecchiata da provare è l’abbinamento molto originale con miele di acacia disposto su fresche foglie di salvia per intensificare tali sentori tipici del vitigno Moscato… restando fra i profumi delle colline astigiane.

E col Ruchè? Se si tratta di Grappa giovane per stupire gli ospiti a tavola si potranno proporre violette candite o marmellata di rose per esaltare i profumi floreali oppure, nel caso della 7.0 è perfetto il connubio con un elemento immancabile dei pasti delle Festività: il torrone.

Infine la Grappa di Barbera: tutta da assaporare con confettura di prugne o – perché no per sfumare qualche risotto, ad esempio con fave, carciofi e un elemento esotico rispetto all’astigianità come è l’avocado.

Gli abbinamenti sono tanti e Mazzetti d’Altavilla li presenta su www.mazzetti.it oppure al ristorante Materia Prima, nato proprio in questo 2018 presso la sede per esaltare le nuove frontiere del distillato astigiano.

Redazionale

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium