/ Palio

Palio | 23 agosto 2019, 13:02

Il Palio 2019 si è presentato a Torino. Un Palio "doppio" per celebrare i 1900 anni dal Martirio di San Secondo [VIDEO]

Il 1° settembre verranno assegnati due drappi: uno al vincitore della corsa riservata ai sette Comuni della Provincia, l’altro al trionfatore tra i quattordici Rioni e Borghi cittadini

La conferenza di presentazione M.T Perosino collegio dei Rettori, M. Vespa cons. del. Palio, Maurizio Rasero sindaco di Asti, T. Mazzeo Rai

La conferenza di presentazione M.T Perosino collegio dei Rettori, M. Vespa cons. del. Palio, Maurizio Rasero sindaco di Asti, T. Mazzeo Rai

Sarà un Palio straordinario, quello che aprirà il ricchissimo mese di settembre ad Asti. Per celebrare i 1900 anni dal martirio del patrono San Secondo, l’edizione 2019 vedrà infatti una nuova formula: nella stessa giornata, domenica 1, verranno assegnati ben due drappi. Uno andrà al vincitore della corsa riservata ai sette Comuni della Provincia, l’altro sarà appannaggio del Comitato trionfatore tra i quattordici Rioni e Borghi cittadini.

Volevamo far sì che due popoli diversi potessero festeggiare nel medesimo giorno" – ha spiegato il sindaco Maurizio Rasero presentando l’evento presso la Rai di Torino, media partner ufficiale.

Una scelta che risponde anche a delle più stringenti questioni economiche e organizzative, considerando che le spese per coprire un Palio ammontano generalmente attorno ai 400 mila euro. “Avremo così quattro corse diverse animate da un’unica, grande passione. Una novità che segue quella già inaugurata lo scorso anno, con lo spostamento della manifestazione dalla terza alla prima domenica del mese”.

L’invito, come sempre, è di far visita alla città già nei giorni precedenti la corsa, animati dai tradizionali eventi collaterali.

Il giovedì, in piazza San Secondo, aprirà i battenti il pittoresco Mercatino del Palio, con tanti gadget e souvenir per i visitatori. Dalle 23, dal balcone di Palazzo Civico, i Rettori presenteranno i propri fantini, e a seguire, saranno estratte le batterie.

Attesissima la sfilata dei bambini il sabato pomeriggio in costume medievale, che percorreranno le vie del centro per poi assistere alla prove in piazza Alfieri.

Infine, non mancheranno le Cene Propiziatorie all’aperto del venerdì e del sabato, organizzate dai Comitati.

Il Palio è patrocinato dalla Regione Piemonte, cui si affiancano partner ormai consolidati, quali la Fondazione Cassa di Risparimo di Asti e la Cassa di Risparmio di Asti Spa. Inoltre, da quest’anno, l’evento potrà anche contare su un ulteriore sponsor, la OBI Italia Srl, presente in loco con un grande punto vendita.

“Continuiamo a sostenere il Palio – ha dichiarato Mario Sacco, presidente della Fondazione Cassa di Risparimo di Asti – in primis per il suo enorme valore storico e culturale, se si pensa che le prime attestazioni risalgono al 1275. Ma, soprattutto, per la promozione turistica ed economica a esso legata, che si inserisce nel più vasto programma di eventi stagionali, che vanno dal Festival delle Sagre alla Douja d’Or. Nei prossimi mesi, inoltre, Asti ospiterà anche una mostra dedicata a Monet e gli Impressionisti, segno della sua costante crescita nel panorama nazionale”. 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium