/ Attualità

Attualità | 21 gennaio 2020, 16:52

Giovedì 23 scendono in piazza i lavoratori delle agenzie fiscali

Fisco-day, blocco degli uffici per due ore. Ad Asti dal 2016 -30% dei dipendenti

Giovedì 23 scendono in piazza i lavoratori delle agenzie fiscali

I lavoratori delle Agenzie Fiscali tornano in piazza a difesa di un fisco giusto, del loro diritto a fornire servizi adeguati ai cittadini e recuperare davvero l’evasione fiscale

Per questo, il 23 gennaio FP CGIL – CISL FP – UIL PA - CONFSAL/UNSA- FLP hanno indetto, in contemporanea per tutti gli uffici sia dell’Agenzia delle Entrate che dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, assemblee di due ore che paralizzeranno la macchina fiscale anche in Piemonte, oltre ad un presidio delle lavoratrici e dei lavoratori dalle 10 alle 12 della stessa giornata presso la Direzione Regionale delle Entrate in corso Vinzaglio 8.

"Sono ormai due anni - scrivono le sigle sindacali - che le lavoratrici e i lavoratori non percepiscono il salario di produttività nonostante siano stati raggiunti tutti gli obiettivi fissati dalle Convenzioni fra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e le Agenzie Fiscali, il tutto nonostante le gravissime carenze organizzative che, ormai, non permettono nemmeno più di coprire i servizi essenziali: figuriamoci incrementare la lotta all’evasione fiscale".

I pensionamenti, nel solo Piemonte, porteranno a una diminuzione del personale in servizio stimabile in circa 700 unità entro il 2020, a fronte dell’assunzione in servizio di 60 nuovi funzionari.

Ciò ha comportato che nella Regione si è già verificato che il personale impiegato direttamente nel contrasto all’evasione fiscale sia stato assegnato a lavorazioni utili a garantire il servizio all’utenza.

"A tutto questo - continuano - si aggiunge il taglio continuo dei fondi per i lavoratori, un’organizzazione obsoleta e la paralisi dovuta all’assenza di un interlocutore, in quanto la politica non è stata capace di nominare né i direttori dell’Agenzia – nomine di competenza governativa – né i comitati di gestione, la cui nomina spetta invece al solo Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Sinora abbiamo atteso con molto senso di responsabilità perché il Governo aveva promesso soluzioni ai problemi da noi posti con il Decreto Fiscale e la successiva Legge di Bilancio. Dopo il 10 dicembre, data fissata per un incontro con il Viceministro Misiani e successivamente dallo stesso cancellata, il Governo è sparito dai nostri radar e le promesse fatte sono state disattese completamente”.

In Piemonte la Direzione Regionale è retta ad interimdalla Direttrice Regionale della Liguria; il Direttore Provinciale di Novara reggea d interim le DDPP di Biella e del VCO; quello di Asti si divide con Alessandria; il Direttore del “Catasto” di Torino dirige anche Vercelli, mentre quello di Cuneo è anche direttore di Savona. Questa situazione è destinata a peggiorare, considerando il fatto che, per effetto dei pensionamenti, entro il 2020 i Dirigenti in Piemonte rimarranno in tutto tre.

Le figure di coordinamento previste per legge e nominate nel corso degli ultimi mesi rischiano di essere bocciate dalla Corte Costituzionale, che dovrà pronunciarsi sulla loro legittimità il prossimo 25 febbraio.

A ciò si aggiunga che dal 1° gennaio sono decaduti tutti gli incarichi di capo team.

Insomma, le Agenzie fiscali sono un’organizzazione senza Direttore generale, senza comitato di gestione, senza dirigenti, senza quadri intermedi e senza personale.

“A dispetto di tutto ciò - denunciano i sindacati - continuiamo ad assistere alle passerelle televisive dei nostri governanti che assicurano che nel 2020 dalla lotta all’evasione fiscale arriverà un tesoretto di oltre 3 miliardi”.

Nella situazione attuale questa è un’utopia e i lavoratori del fisco non vogliono rendersi complici di un buco nel bilancio dello Stato che è attribuibile esclusivamente a coloro che non si stanno occupando di investire nella macchina fiscale e nei suoi lavoratori.

Oltre a ciò, in queste condizioni l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli dovrà affrontare la scadenza del 31 gennaio, data in cui è prevista la Brexit, che comporterà un aumento esponenziale dei traffici merci sull’Italia.

“Stiamo difendendo i nostri salari – concludono le forze sociali – e, soprattutto, il nostro diritto/dovere di lavorare per lo Stato e i suoi cittadini in maniera concreta ed efficace, con un’organizzazione moderna e funzionale”.

"Ad Asti - dice Salvatore Bullara Cisl FP -  dal 2016 a oggi c'è il -30% di dipendenti (da 80 a 24). E nel front Office di via Zangrandi (servizi all’utenza) riduzione da 11 a 7 sportellisti. Così facendo la lotta all’evasione al massimo la si farà a colpi di post su Facebook e Twitter".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium