/ Al Direttore

Al Direttore | 08 aprile 2020, 14:41

Si apra subito una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza coronavirus in Piemonte

Lo chiede, per tramite del proprio segretario regionale, il sindacato infermieristico Nursind Piemonte

Francesco Coppolella

Francesco Coppolella

Ci sono responsabilità politiche e responsabilità tecniche che pesano sulla situazione nella quale oggi si trovano migliaia di operatori sanitari in Piemonte, molti dei quali lasciati letteralmente allo sbaraglio. E’ dovere dello stato tutelare i propri dipendenti e dare loro la possibilità di raccontare ciò che ad ognuno sta accadendo, ravvisandone eventuali responsabilità.

Comprendiamo le difficoltà nella gestione di questa emergenza nella quale  infermieri , medici ed operatori sanitari non si stanno di certo tirando indietro, pagando anche in prima persona ma in assenza di tutele per la loro salute, le istituzioni hanno il dovere di fornire loro uno strumento per fare valere le proprie ragioni, indagando sui comportamenti adottati da politica e dirigenza.

Non può essere il sindacato che si sta battendo in tutti i modi il ricettacolo di tutte le segnalazioni  in merito alle molte criticità che ogni giorno ci arrivano a centinaia.

 Il piemonte e le aziende sanitarie regionali continuano a rincorrere le criticità sin dall’inizio di questa crisi. Non comprendiamo ancora come sia possibile dopo oltre un mese dall’emergenza che ci siano differenze tra aziende sanitarie regionali e anche tra presidi delle stesse aziende sanitarie in merito all’approvigionamento dei dpi, dell’esecuzione dei tamponi e nella gestione degli operatori sintomantici e/o in quarantena.

E’ evidente la mancanza di una catena di comando o nel caso questa sia presente,  di una incapacità dei dirigenti a seguirla.  Ai dipendenti va fornita la stessa tutela e garantiti gli stessi diritti in ogni azienda e in agni presidio.  Non si possono lasciare soli.

Continuano a pervenire al nostro sindacato segnalazioni di contagi tra i colleghi, non solo dalle aree cosiddette covid ma da qualche giorno anche dalle aree cosiddette pulite che poi tanto pulite non lo sono visto il numero di contagi. Qualcosa non ha funzionato e ancora tuttora non funziona.

A questi colleghi evidentemente non sono stati forniti i dpi adeguati ed è evidente che anche i pazienti di queste aree sono a grave rischio contagio. Un ping pong del virus che trasforma gli ospedali nei maggiori focolai.

Forse sarebbe il caso di mettere in quarantena tutti gli ospedali fornendo a tutti i dipendenti dispositivi adeguati almeno per due tre settimane.

Incessanti le segnalazioni di colleghi sintomatici a casa che non ricevono risposte e non hanno interlocutori con i quali interfacciarsi per far valere i loro di diritti in materia di sicurezza della propria salute. Ancora molte le segnalazione di colleghi in attesa di tampone nonostante abbiano sviluppato sintomatologia e/o sono venuti a contatto con pazienti positivi.

Anche in questo caso i comportamenti difformi tra aziende e tra presidi di stesse aziende lasciano mostrano l’inefficacia dell’organizzazione nel tutelare diritti e sicurezza degli operatori sanitari.

Noi del NurSind Piemonte, il sindacato delle professioni infermieristiche, che insieme ai medici stiamo pagando il prezzo più alto in termini di decessi e di ammalati, chiediamo che si apra subito una commissione di inchiesta regionale. Si ascoltino i colleghi, si evidenzino le criticità, si raccolga quanto sta accadendo.

 

Francesco Coppolella, segretario Regionale Nursind

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium