/ Cronaca

Cronaca | 04 giugno 2020, 08:43

Intervengono per schiamazzi, i carabinieri trovano 13 dosi di cocaina ed eroina pronte al consumo

I carabinieri di Castelnuovo Don Bosco, avvisati da residenti disturbati, denunciano il proprietario, un torinese di 35 anni

Intervengono per schiamazzi, i carabinieri trovano  13 dosi di cocaina ed eroina pronte al consumo

Una festa un po' troppo "allegra" e senza neppure l'osservanza delle norme anticontagio.

È successo alla mezzanotte del due giugno a Castelnuovo don Bosco, dove i carabinieri di Montafia, impegnati proprio nei controlli per la prevenzione del Covid, sono stati avvisati che in un'area isolata del Comune, una festa provocava disturbo ai residenti.

I CARABINIERI SUONANO... MA LA MUSICA È TROPPO ALTA, NEPPURE LI SENTONO

All'arrivo dei carabinieri, che hanno citofonato ripetutamente per farsi aprire, la musica era talmente alta da non sentire neppure il suono. Nel parcheggio, 10 macchine parcheggiate, non lasciavano dubbi sulla festa.

Entrati dal cancello aperto, i carabinieri hanno trovato 20 giovani, tutti di 30 anni , talmente impegnati in balli sfrenati, da non accorgersi neppure dell'entrata dei militari in uniforme che hanno abbassato il volume.

PRONTE AL CONSUMO 13 DOSI DI EROINA E COCAINA

Solo a quel punto i presenti, resisi conto dell'accaduto hanno reagito con sdegno, accusando i carabinieri di avere violato una proprietà privata. Peccato che sul tavolo della sala ci fosse un piatto con ben 13 dosi già confezionate di droga e residui di polvere bianca.

A quel punto, anche grazie al supporto delle pattuglie di Castelnuovo don Bosco e del Nucleo radiomobile di Villanova è stata riportata la calma e chiesti chiarimenti sull'origine della droga.

"È SOLO UNA FESTA TRA AMICI"

Il proprietario della casa, il più "vecchio" dell'allegra combriccola, torinese con la seconda casa a Castelnuovo, non ha fornito spiegazioni. "Si tratta di una festa tra amici nella mia seconda casa", avrebbe detto ai militari

Le verifiche e le perquisizioni hanno permesso di appurare che lo stupefacente ritrovato era suddiviso tra 8 dosi di cocaina e 5 di cocaina per un totale di 6 grammi, confezionate e pronte per l'uso

Il proprietario, A.C, torinese, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Asti per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti mentre gli altri, incensurati, sono stati sanzionati per il divieto di assembramento imposto dalle misure governative per il contenimento del Covid.

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium