/ Sanità

Sanità | 04 giugno 2020, 13:49

Il primario di Malattie Infettive del Massaia conferma il graduale ritorno alla normalità

Stamattina il prof. De Rosa ha incontrato sindaco e assessore alla Sanità per relazionarli sulla situazione Covid-19

Il primario di Malattie Infettive del Massaia conferma il graduale ritorno alla normalità

Stamattina, il sindaco di Asti Maurizio Rasero, insieme all’assessore alla Sanità Mariangela Cotto e al consigliere Federico Garrone, ha incontrato in Municipio il prof. Francesco Giuseppe De Rosa, primario del reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Cardinal Massaia.

Il quale ha confermato che l’ospedale cittadino sta riprendendo gradualmente le normali attività, avendo ridotto i reparti “Covid” da 5, numero massimo raggiunto nelle scorse settimane, ai 2 attuali.

Anche le attività di diagnostica ed assistenza terapeutica, che in questi mesi hanno subito un rallentamento ed un allungamento delle liste di attesa, stanno ritornando alla normalità.

Il professore ha comunque evidenziato l’esigenza di preservare i comportamenti virtuosi messi in atto dalla cittadinanza nel periodo emergenziale al fine di non perdere il terreno guadagnato con tanta fatica, unica soluzione questa che può consentire il pieno ritorno alla quotidianità.

L’Amministrazione, nel ringraziare il prof. De Rosa, sottolinea come il lavoro da lui svolto nell’Unità di Crisi sia stato determinante e lo sia ancora di più oggi: “considerato che, inspiegabilmente, l’ASL di Asti è stata esclusa sia dalla Task Force di esperti per la ristrutturazione del sistema di assistenza territoriale presieduta da Ferruccio Fazio che quella coordinata da Monchiero”.

Tale assenza ingiustificata è stata già evidenziata dalla nostra Amministrazione durante la conferenza dei sindaci ASL del 18 maggio scorso alla presenza del vice presidente della Regione Piemonte Fabio Carosso e dell’assessore regionale Marco Gabusi.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium