/ Cronaca

Cronaca | 05 giugno 2020, 11:08

206 anni dell'Arma dei Carabinieri: il Comando astigiano traccia il bilancio di un anno di interventi, segnati dal Covid

Due gli scenari particolarmente presenti quest'anno: i furti in abitazione e le truffe ai danni di anziani. Il Comando in prima linea nonostante l'emergenza, con 3889 servizi esterni

206 anni dell'Arma dei Carabinieri: il Comando astigiano traccia il bilancio di un anno di interventi, segnati dal Covid

Oggi, 5 giugno, si celebra il 206esimo anniversario della festa dell’Arma che risulterà scolpito, nella mente di ognuno, come l’anno della grande emergenza sanitaria in cui i Carabinieri di Asti hanno concentrato, ancor più, le proprie risorse per testimoniare la primaria missione istituzionale di vicinanza alle esigenze del territorio e di assistenza alla comunità fortemente colpita dalla pandemia da COVID 19. 

Una vicinanza fatta tanto di piccoli gesti, di consigli per la risoluzione pacifica di conflitti di vicinato, di disponibilità all’ascolto quanto di attenzione alle sempre più crescenti fenomenologie criminali dei reati contro il patrimonio, alle situazioni di forte disagio sociale che colpiscono le fasce più deboli, di cui le truffe agli anziani rappresentano la forma più vergognosa. 

Una vicinanza che significa anche attenzione al territorio, grazie all’attività di grande aderenza svolta dall’Arma forestale e dai comparti di specialità votati alla cura della salute pubblica, dell’ambiente e della tutela dei lavoratori.

Furti in abitazione e truffe ai danni di anziani

A fronte di una delittuosità per cui l’Arma dei Carabinieri procede per il 78% dei casi, dato questo in linea con il drastico calo delle delittuosità pari al 17%, due sono stati gli scenari criminali maggiormente aggressivi che hanno caratterizzato quest’anno e su cui l’Istituzione ha concentrato il suo focus: i furti in abitazione e le truffe in danno di anziani.

 

2019-2020

Delitti denunciati (a tutte le FFPP)

6.870

Delitti per cui procede l’Arma

5.386

% delitti per cui ha proceduto l’Arma

78%

 

Furti denunciati: -19%

Il numero dei furti denunciati è diminuito del 19% (2.332 rispetto ai 2.782 dell’anno precedente), mentre i furti in abitazione è sceso del 40% (835 a fronte dei 1.169). Questo risultato è il frutto di un capillare controllo del territorio in cui i soggetti controllati su strada, gravati da precedenti di polizia e pendenze penali,  grazie anche al ricorso delle dotazioni tecnologiche sempre più performanti (come l’utilizzo del dispositivo ODINO che permette l’immediata interrogazione delle banche dati) è passato dai 17.609 agli attuali 25.322, con un incremento del 30%.

Le truffe sono state 658 per cui sono stati deferiti 112 soggetti a vario titolo coinvolti in tali condotte.

Le fasce più deboli

Parallelamente è stata intensificata una campagna di sensibilizzazione rivolte alle fasce più deboli, grazie anche ad iniziative come i 10.000 adesivi antitruffe diffusi con collaborazione della Provincia, che hanno fornito un concreto contributo alla collettività. 

L’anno ha poi registrato la grave emergenza pandemica da COVID 19. Emergenza sanitaria che ha colpito duramente la stessa Arma Astigiana, che sul finire del mese di marzo ha pianto la scomparsa del luogotenente Mario D'Orfeo, 55enne comandante della Stazione Carabinieri di Villanova d'Asti.

Per quanto concerne il lavoro svolto, le misure governative scattate da fine febbraio per il contenimento della pandemia hanno impegnato l’Arma in prima linea con 3.889 servizi esterni (pari a 47 servizi al giorno), 22.693 persone e 38.800 esercizi commerciali controllati con 891 sanzioni inflitte per inosservanza delle prescrizioni anticontagio. Uno sforzo reso possibile anche con il potenziamento del dispositivo di controllo del territorio realizzato con la forza messa a disposizione dal 1^ Reggimento “Piemonte” di Moncalieri e dal 6^ Battaglione “Toscana” di Firenze.

Cascina per cascina

È proseguita anche l’iniziativa “cascina per cascina” volta a colmare il vuoto generazionale che ha progressivamente portato, a partire dagli anni '70, una forte migrazione giovanile, per esigenze lavorative e di studio, verso le principali città piemontesi, con conseguente abbandono delle aree rurali. Il ritorno alla campagna conseguente allo sviluppo della filiera vitivinicola, dei presidi slow food e del bio non hanno ancora portato ad una reale inversione del fenomeno. I tanti casolari di campagna con podere annesso sono quindi disabitati (e utilizzati estemporaneamente come seconda casa) o abitati da persone anziane, spesso sole e con ridotta capacità di movimento, quindi particolarmente esposte ad essere appetibile e facile bersaglio per ladri e truffatori.

Il Comando Provinciale ha quindi proseguito, nell'ambito dei rituali servizi esterni, un servizio porta a porta avviato negli ultimi anni con lo scopo di conoscere più approfonditamente e meglio il territorio, registrando tutte le seconde abitazioni e censendo la popolazione anziana e sola residente nei casolari isolati, informandola delle modalità di contatto con i Carabinieri del territorio e fornendo indicazioni per riconosce e difendersi da eventuali malintenzionati.

Il Palio con il Reggimento a cavallo

Il mese di settembre ha visto, in occasione della tradizionale manifestazione del Palio di Asti, per la prima volta la partecipazione del Reggimento a cavallo dell’Arma che, dopo aver sfilato per le vie cittadine, ha concluso la sua esibizione con lo schieramento davanti al Comune.

Esercitazione

Nel mese di novembre, poi, si è tenuta l’esercitazione di protezione civile del Reparto di Soccorso, ideata per simulare e testare il dispositivo di intervento in caso di emergenza alluvionale: l’occasione, che ha visto il coinvolgimento di 150 militari

Il teatro delle operazioni è stato visitato anche da cinque scolaresche astigiane, organizzando il dispositivo di comando e controllo in Piazzale Cosma Manera, eroico astigiano, le cui celebrazioni per il centenario dell’epico ritorno in patria di migliaia di esuli dalla Russia, hanno consentito, poco prima dell’emergenza sanitaria, di organizzare il 5 febbraio di quest’anno un convegno presso la UNIASTISS a cui hanno preso parte storici, accademici ed autorità, dando il via anche a progetti formativi e culturali nelle scuole astigiane e, riscuotendo, a livello mediatico, risonanza a livello nazionale sia sulla carta stampata che in TV, dove la tematica è stata ripresa sia da RAI STORIA che in uno specifico approfondimento tenuto su RAI 3 da Paolo Mieli.     

Le principali attività svolte dalle tre Compagnie

L’anno appena trascorso ha visto un aumento dei risultati operativi di arresti giunti a 240 e 1.203 denunciati in stato di libertà, per lo più concentrati sui reati contro il patrimonio (furti, rapine e truffe). 

Le attività operative di maggior rilievo hanno riguardato il fenomeno dello spaccio di stupefacenti e dei reati contro il patrimonio. Molteplici attività d'indagine che hanno interessato tutte e tre le Compagnie che compongono il Comando Provinciale. Ecco le principali operazioni portate a termine.

Compagnia Carabinieri di Asti

Indagine DRUG QUEEN, iniziata il 4 ottobre 2018 e conclusasi nel maggio 2019, nata a seguito di una denuncia per furto sporta da due coniugi che riferivano dell’esistenza di un gruppo composto da donne e uomini di nazionalità italiana, marocchina ed albanese che gestivano una “piazza di spaccio” in Asti, utilizzando come base logistica due immobili occupati abusivamente siti in corso Casale e corso Volta, nella periferia est della città di Asti. Venivano documentate oltre 2.000 cessioni di stupefacenti ed acquisiti gravi indizi di colpevolezza in merito alla responsabilità penale degli indagati con conseguente esecuzione di 15 misure cautelari personali e oltre 300 persone titolari di patente di guida segnalate all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile per la revisione delle medesime.

Indagine PANDA EXPRESS, iniziata nel mese di settembre 2019 e conclusasi a gennaio 2020, sulla base di due rapine compiute a danno di attività commerciali: la farmacia del Palucco e il Carrefour Express di via Baracca. I due episodi, inseriti in un unico contesto investigativo in considerazione delle analogie operative, sono stati seguiti dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti e dalla 3^ Sezione della Squadra Mobile della Questura di Asti. Lo sviluppo delle indagini consentiva di individuare i 4 esecutori materiali nonché altre tre soggetti “fiancheggiatori” che a vario titolo avevano fornito la loro collaborazione. L’esecuzione dei provvedimenti restrittivi emessi a carico degli esecutori materiali delle rapine e delle relative operazioni di polizia giudiziaria connesse si svolgevano tra le città di Alessandria, Asti, Nichelino (TO) e Barletta (BA).

Indagine BADOGLIO, iniziata nel mese di febbraio 2019 e conclusasi a febbraio 2020, in seguito a una rapina in abitazione commessa nel febbraio scorso da tre soggetti travisati in danno di due anziani fratelli. I tre malviventi si erano introdotti all’interno dell’abitazione dei due anziani e dopo averli picchiati e minacciati avevano asportato tutti i loro averi per un ammontare di oltre 3.000 euro. Le indagini, avviate dalla Stazione Carabinieri di Moncalvo e condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti, consentivano di identificare i tre soggetti responsabili e di riversare le risultanze investigative in una dettagliata comunicazione attraverso la quale la competente autorità giudiziaria emetteva a loro carico provvedimenti di arresto.

Compagnia Carabinieri di Canelli

Indagine GIUDIZIO 2 che ha consentito di trarre in arresto il presunto autore di rapina a mano armata ai danni di centro scommesse SISAL MATCH POINT di Canelli. In data 31 maggio 2019, il soggetto, armato di coltello, faceva irruzione all’interno della Sala Slot dove, simulando accento straniero, costringeva l’impiegato, sotto minaccia di morte, a consegnare l’incasso della giornata pari ad euro 1.300. Successivamente si allontanava per le vie cittadine.

Indagine QUIETE con cui i Carabinieri della Compagnia di Canelli hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di un gruppo di soggetti gravemente indiziati di aver commesso una serie di sette furti e rapine ai danni di case di riposo, nel periodo intercorrente tra l’ottobre dello scorso anno e l’aprile di quest’anno. Il territorio interessato dagli episodi criminosi riguarda le province di Asti, Alessandria, Cuneo e Pavia.

Indagine TURISTE DEL FURTO con cui è stata data esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di quattro donne italiane maggiorenni di etnia rom resesi responsabili di furti in abitazione e ricettazione commessi nell’astigiano dai primi del mese di ottobre, materiale sequestrato rolex e materiale di lusso per un valore di 100.000 euro.

Indagine CROSSOVER scaturita da un tentativo di suicidio di una ragazza che portava a scoprire un vasto giro di spaccio. Gli spacciatori con esitavano a estorcere, picchiare e rapinare le proprie vittime al fine di recuperare i soldi della vendita. Documentate 72 cessioni, recuperati 310 gr. di marijuana e vario materiale per lo spaccio e la coltivazione.

Indagine CINEREA pionieristica attività contro il caporalato eseguita proprio la mattina del 1° maggio (festa dei lavoratori) che ha consentito di trarre in arresto tre soggetti di origini albanesi che gestivano una cooperativa di intermediazione di lavoro la quale, sfruttando la manodopera extracomunitaria, riforniva di braccianti a sotto costo le ignare aziende vitivinicole impegnate nella stagione della vendemmia.

Compagnia Carabinieri di Villanova d'Asti

Indagine SPIDER MAN che ha permesso di eseguire una misura cautelare a carico di due pluripregiudicati per reati contro il patrimonio che avevano assestato una serie di ingenti furti in esercizi commerciali dalla notte di capodanno sino a tutto il mese di gennaio 2020, svaligiando oreficerie, abitazioni, supermercati della provincia astigiana e cuneese.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium