/ Cronaca

Cronaca | 17 giugno 2020, 08:57

Stato di agitazione e sciopero della mensa al carcere di Asti, per solidarietà con i colleghi di Santa Maria Capua Vetere

I sindacati chiedono anche un incontro con il prefetto per chiarire la situazione

Stato di agitazione e sciopero della mensa al carcere di Asti, per solidarietà con i colleghi di Santa Maria Capua Vetere

La vicenda della rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove qualche giorno fa alcuni detenuti definiti "problematici" hanno inscenato una vera e propria rivolta ferendo ben otto agenti di polizia penitenziaria, ha avuto eco in tutte le carceri italiane tra cui Asti.

Con una nota i sindacati di polizia penitenziaria di Asti, hanno proclamato, a partire da venerdì, lo stato di agitazione e l'astensione dalla mensa di servizio

Per questo motivo tutti i sindacati di polizia penitenziaria presenti alla casa di reclusione di Quarto, in segno di vicinanza con i colleghi hanno proclamato lo stato di agitazione e la contestuale astensione dalla mensa di servizio a partire da venerdì.

"Il tutto - scrivono - fino a che non saranno accolte le nostre rimostranze e non si riceverà un segnale di attenzione. La polizia penitenziaria è stanca dell'immobilismo e delle modalità di impiego nell'attuale esecuzione penale".

I sindacati chiedono anche al Prefetto di incontrarli per riferire le problematiche in modo più chiaro.

Files:
 stato agitazione 2 (151 kB)

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium