/ Sanità

Sanità | 07 luglio 2020, 20:02

Icardi: “Non consentiremo che lo Stato impedisca la distribuzione delle risorse regionali aggiuntive al personale sul fronte Covid”

Anche i sindacati esprimono ferma contrarietà al provvedimento che porterebbe al blocco dei pagamenti aggiuntivi

Icardi: “Non consentiremo che lo Stato impedisca la distribuzione delle risorse regionali aggiuntive al personale sul fronte Covid”

“Nella riunione di domani mattina della Commissione Salute chiederò agli assessori alla Sanità di tutte le Regioni di opporsi al provvedimento del Governo che di fatto impedisce di distribuire in busta paga le risorse aggiuntive già deliberate dalle Regioni a favore del personale sanitario impegnato nell’emergenza coronavirus. Non possiamo accettare che per colpa di astrusi meccanismi burocratici nazionali, venga ritardato il pagamento di un riconoscimento concordato tra le parti e ampiamente meritato da chi ha lavorato con alto rischio di esposizione al contagio”.

Così si è espresso l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, nonché coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Luigi Genesio Icardi, in merito alla notizia dell’impugnazione da parte dello Stato della legge regionale del Piemonte che distribuisce le risorse aggiuntive statali (18 milioni di euro) e regionali (36 milioni di euro) destinate all’incremento dei fondi contrattuali del personale del Servizio sanitario regionale per l’emergenza coronavirus covid19.

E’ assurdo che la Ragioneria generale dello Stato aggiunge Icardi  ci contesti di aver stanziato troppi soldi e metta in discussione il sistema di ripartizione delle risorse definito con le rappresentanze sindacali dei lavoratori. Il Piemonte, come le altre Regioni, deve essere libero di premiare chi vuole e come vuole. L’interpretazione della norma da parte delle Regioni è stata unanime, chiediamo quindi che sia lo Stato a fare un passo indietro”.

LA CONTRARIETA’ DEI SINDACATI

In una nota stampa congiunta – firmata da Cgil, Cisl, Uil, Fials, Fsi e Nursing Up – le sigle sindacali afferman che “Il provvedimento del governo arriva come un fulmine a ciel sereno. A prescindere dalle ragioni contabili, si tratta di un atto vile e del quale è difficile capire la ratio. I lavoratori piemontesi del comparto sanità, stufi di essere presi in giro, stanchi del doppio gioco di chi li incensa a parole e poi li accoltella alla schiena quando è ora di tramutare le parole in atti, si ricorderanno di questa decisione e di chi ha deciso di prenderla. Se entro due giorni la situazione non si sblocca e i soldi non verranno erogati, valuteremo tutte le modalità con cui far valere i nostri diritti”.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium