/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 14 settembre
lunedì 07 settembre
lunedì 31 agosto
lunedì 24 agosto
lunedì 17 agosto
lunedì 10 agosto
lunedì 03 agosto
lunedì 27 luglio
lunedì 13 luglio
lunedì 06 luglio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 20 luglio 2020, 07:00

Godiamoci l'estate, l'autunno sarà caldo

Godiamoci l'estate, l'autunno sarà caldo

Non sono un virologo e nemmeno ne ho l’ambizione, quindi non so se, in autunno, ci sarà una recrudescenza del virus.

E neppure sono una Cassandra, e non intendo e ambisco a diventare un portasfiga. Però basta parlare con la gente, con i negozianti, con le famiglie, per convincersi che l’autunno sarà caldo, molto caldo. Forse non vogliono capirlo i politici, gli amministratori o i pezzi grossi delle banche. E proprio a loro vorrei dire che, se spariranno i risparmiatori, messi in difficoltà da questa pandemia, a cosa serviranno le battaglie che stanno conducendo per acquisire questo o quell’ istituto di credito? Mah, domande troppo complicate per le mie scarse conoscenze...

Comunque, tutti sono convinti che, bene o male, questi mesi estivi riusciremo a superarli magari con qualche sacrificio e qualche debituccio. L’immediato dopo-lockdown sta avendo qualche piccolo effetto benefico, anche sulla nostra economia: le aziende ricevono ordini sospesi durante il top della pandemia, qualche spesa arretrata siamo tutti costretti a farla: un paio di sandali o t-shirt per l’estate.

Però tutti gli esperti sono concordi nel dire che, a settembre e ottobre, tanti nodi verranno al pettine. Crisi occupazionali, mancanza di liquidità e spese per mandare i figli a scuola, si faranno sentire sui bilanci delle famiglie e le difficoltà cresceranno a dismisura. Sono convinto che l’informazione debba smetterla di mandare messaggi negativi, che parlare sempre di crisi, crisi, crisi.. sia controproducente. Ma allo stesso tempo è errato mettere la testa sotto la sabbia come fa lo struzzo.

Nessun consiglio, ma l’invito a godersi qualche giorno di vacanza, di relax in questa estate. Vicino a casa (meglio in Piemonte per aiutare la nostra economia e il nostro turismo), anche soltanto una settimana (in base alle possibilità delle nostre tasche) ma conviene staccare e rilassarsi. Rimandiamo i pensieri e le preoccupazioni ai mesi a venire: fasciarci la testa adesso, non serve a migliorare la situazione o a evitare il peggio.

Tanto le banche e i politici continueranno a farsi la guerra fra loro. Non aspettiamo aiuti da cielo. In autunno toccherà ancora una volta a noi - cittadini, pensionati, lavoratori, consumatori, risparmiatori, utenti - tirarci su le maniche per trascinare avanti la baracca.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium