/ Cronaca

Cronaca | 26 luglio 2020, 08:50

Sventa tentativo di suicidio in corso Savona. In attesa della Polizia un giovane ha convinto la ragazza a desistere

La testimonianza: "Mi diceva che aveva troppi problemi, le ho promesso che l'avrei aiutata, intanto cercavo di fermare altre macchine. L'ho trattenuta tra il ponte e il vuoto"

Sventa tentativo di suicidio in corso Savona. In attesa della Polizia un giovane ha convinto la ragazza a desistere

Una delle più tristi "malattie" dei nostri tempi è l'indifferenza. Siamo talmente concentrati su noi stessi, i nostri problemi, il nostro lavoro, la nostra vita, che spesso non sappiamo neppure chi siano i nostri vicini di casa.

SUL PONTE DI CORSO SAVONA UNA STORIA DI DISPERAZIONE

Questa notte, per fortuna, sulla strada difficile di una ragazza che voleva porre fine alla sua vita, è arrivato Stefano un uomo che non si è girato dall'altra parte.

Intorno all'una e mezza, Stefano stava dirigendosi verso Isola d'Asti, dove abita, quando sul ponte di corso Savona, ha visto una ragazza camminare, da sola.

Per istinto, o per un segno del destino, ha guardato nello specchietto e l'ha vista scavalcare la ringhiera del ponte. Non ci pensa due volte, inverte il senso di marcia e parcheggia nei pressi chiamandola e pregandola di non buttarsi.

SONO MIEI AMICI, TI AIUTIAMO NOI

"Lei diceva che voleva uccidersi e non avrei potuto fare nulla, mi ha detto che aveva troppi problemi. Mentre le parlavo, senza farmi troppo notare, tentavo di fermare altre auto. Avevo tanta paura. Quando ho visto che alcune macchine si sono fermate ho detto che erano miei amici e che l'avremmo aiutata".

Con la scusa di chiedere alla donna se conoscesse qualcuno degli intervenuti, il coraggioso giovane l'ha afferrata per il polso, trattenendola "a peso morto", tra la ringhiera e il vuoto.

"Lei mi guardava e, a quel punto, mi chiedeva aiuto. Non dimenticherò mai quello sguardo".

I passanti intervenuti, nel frattempo hanno chiamato la Polizia che in pochi minuti è giunta sul posto ringraziando il giovane e chiedendo l'intervento della medicalizzata del 118 che ha condotto la donna in ospedale.

UNA BORSETTA SUL PONTE

Sul ponte, la borsetta e alcune scritte.

"Sono sotto choc - scrive il coraggioso ragazzo - continuo a vedere la scena - spero che possa essere aiutata anche in futuro".

Una storia a lieto fine, al momento, la speranza è che si aiuti  questa giovane donna a riprendere in mano il suo futuro.

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium