/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 05 agosto 2020, 13:00

Un portale per scoprire la Liguria nascosta, Giampellegrini: "Su Experienceliguria.it 427 esperienze per una vacanza da sogno" [VIDEO]

Il commissario straordinario per l’agenzia In Liguria Pietro Paolo Giampellegrini: "Bisogna recuperare le cose semplici, di cui abbiamo perso il valore: gli sciami di lucciole la sera, i rumori del bosco, i profumi, l’armonia dei muretti a secco. Sono cose che non hanno prezzo"

Un portale per scoprire la Liguria nascosta, Giampellegrini: "Su Experienceliguria.it 427 esperienze per una vacanza da sogno" [VIDEO]

"Vivere sereni e felici nella natura, con la propria famiglia, credo sia la vacanza più bella da augurare a ciascuno". E' questo l'augurio che il commissario straordinario per l’agenzia In Liguria Pietro Paolo Giampellegrini rivolge a coloro che, quest'anno, decideranno di passare le ferie estive in Liguria.

Una territorio, come ricordato dallo stesso commissario, in grado di unire il blu del mare al verde dell'entroterra, capace di coniugare l'attività sportiva con i profumi e i sapori dei prodotti enogastronomici. Ed è proprio al fine di confezionare una vacanza su misura, per ogni tipo di esigenza, di piacere e di capacità economica, che è nato nelle scorse settimane il portale ExperienceLiguria.

Nelle scorse settimane, insieme alla Regione, avete lanciato ExperienceLiguria, un contenitore che racchiude e propone al turista una serie di suggerimenti su cosa nella vostra regione. Cosa può trovare chi visita il portale?
Nasce dall’idea dell’experience. Cosa vuole il turista oggi? Vivere un’esperienza unica, eccezionale, che lo emozioni e gli rimanga nel cuore. Abbiamo riscontrato che avevamo tantissime experience sparse sul territorio. Spesso neppure noi le conoscevamo e quindi abbiamo creato questo sito dove sia i turisti che gli stessi liguri possono trovare un’offerta rappresentativa di tutto quello che c’è in Liguria. Siamo partiti con 270 esperienze, oggi ne abbiamo oltre 427: è un sito gratuito, con una redazione che lo gestisce, ma ciascun operatore carica sul sito la propria offerta e il turista può sceglierla in base a ciò che vuole. E’ presenta la categoria Active, Food Gourmet, Borghi, Family, Genova City Break e Mare. All’interno delle singole categorie, ciascuno può trovare un experience fatta su misura: ciascuno di noi vuole quello che intende realizzare come sogno. Andare in vacanza oggi è realizzare un sogno, un’emozione, vivere un’esperienza e fare qualcosa che esce dall’ordinarietà.

Lei ci ha raccontato che l’utente può costruire la propria vacanza. Sul sito vi sono proposte che vanno dal giro in barca a vela alla degustazioni nei frantoi o all’interno delle produzioni agricole che fanno vino. Ci può dare qualche suggerimento in vista di agosto?
C’è un’azienda che produce olive taggiasche che dà la possibilità di adottare una pianta di ulivo. Ciascuno di noi può dare il nome alla pianta e adotta quella che più la ispira: qualcuno parla con la pianta addirittura, perché si sente associato ad essa. Il soggetto che la adotta poi può comprare l’olio prodotto dall’azienda. Parliamo di una realtà che denocciola le olive a mano, una ad una. Hanno tre asinelli che concimano le piante d’ulivo. All’interno di questa azienda si possono fare massaggi in mezzo agli uliveti con una massaggiatrice professionista. Un’altra bellissima experience è prendere il vecchio trenino di Casella, parte da Genova e attraversa tutti i paesini dell’entroterra per arrivare fino a Casella. E’ una gita consigliata alle famiglie con bambini, per assaporare i prodotti della terra. Mi viene in mente poi l’experience messa a disposizione da un’azienda produttrice di vino di Sestri Levante, che ha come particolarità quella di affinare il proprio champagne a 60 metri di profondità sotto il mare, negli abissi. In questo modo il vino mantiene una temperatura, una luce e una pressione costante, consentendo così di avere caratteristiche uniche per il vino degli abissi. Io, personalmente, ho fatto una gita nell’entroterra nel comune di Pietra Ligure dove ci sono dei bellissimi faggeti e si può fare il percorso sia in mountain bike o con la bici elettrica.

Quello che si evince, dal portale, è la grande flessibilità: tramite 4 chiavi di ricerca è possibile organizzare una vacanza in Liguria di un giorno, un weekend, una settimana, un mese. Secondo me la forza del sito è la semplicità di utilizzo e di programmazione.
Semplicità e il fatto che sia per tutte le tasche. Ci sono experience per tutti i prezzi: dallo yoga al castello di Lerici all’aperitivo sulla spiaggia. Si possono fare varie esperienze, non tutte costose, che danno la possibilità di fare qualcosa che rimarrà nel cuore. Fare una gita nell’entroterra sul dorso di un mulo e raggiungere una località di campagna ci riporta al 1800, ci fa vivere un’atmosfera insolita ma affascinante.

Ormai il turista, come ha ricordato lei, vuole una vacanza personalizzata e vuole che spesso gli racconti una storia. Sul sito c’è una sezione dedicata ai blogger che raccontano la loro esperienza, dal pan dolce genovese alla via del sale…
E’ bella l’immediatezza e la naturalezza con la quale i fruitori dell’experience possono esprimersi. E’ più bello che la raccontino loro, piuttosto che gli operatori, trasferendo le emozioni che hanno provato. Trovo sia il modo migliore per capire se quell’esperienza può piacermi o no: ognuno ha una sua ispirazione e inclinazione. La Liguria poi, lo ricordiamo, non ha solo il mare ed è la Regione più verde d’Italia, si possono fare tante experience nell’entroterra: mangiare il formaggio che sa di erbe, con tante piccole aziende presenti, è perfetto per i golosi.

Infatti è prevista anche una sezione “gourmet” sul portale..
La Liguria ha una grandissima varietà di prodotti, provenienti da piccoli produttori. La forza dell’experience è andare a trovarli sul territorio e vedere da dove escono. Mangiare le raviole di Montegrosso è favoloso: sono fatte con un ripieno di erbe selvatiche che la signora che gestisce il ristorante raccoglie a mano ogni giorno, fa il ripieno crudo, fa bollire le raviole e chi le mangia sente la natura. Assapora i profumi e gli aromi del territorio, ma questo prodotto lo trovo solo lì. Non lo trovo in commercio, lo vivo sul territorio. Parliamo di piccole aziende composte da bellissime famiglie, ma che vanno stanate e scoperte. I loro prodotti sono la massima espressione del territorio. Ognuno ama quello che intende realizzare e vuole quello che non ha nella vita di tutti i giorni: chi vive in un condominio, è chiaro che adoreremo stare in campagna. Se viviamo in campagna l’experience le faremo sul mare, un mare pulito che solo la Liguria è in grado di dare. La Liguria ha 32 bandiere blu, un mare pulito e incontaminato. E’ la prima regione italiana in tal senso. Abbiamo tanti parchi che permettono di osservare le fioriture, come i parchi di Nervi a Genova, sul mare. Non parliamo poi delle opere d’arte: Genova ha un patrimonio artistico enorme, tutto da scoprire. Ci sono tantissime cose che si possono fare: fare una gita al faro di Portofino, o al castello di Portofino. Guardandola dall’alto scoprirete quanto è bella e particolare. Siate pazienti e andate a scoprire.

Ormai siamo ad agosto, il mese d’eccellenza delle vacanze: ci dà un ultimo consiglio su cosa fare in Liguria?
Recuperare l’amore per l’ambiente, per l’aria aperta, per la famiglia e gli animali. Cercare di recuperare quelle cose semplici, di cui abbiamo perso il valore: vedere gli sciami di lucciole la sera, sentire i rumori del bosco, i profumi, vedere gli animali felici in libertà, scoprire l’armonia dei muretti a secco. Sono cose che non hanno prezzo, la Liguria ha tutto questo. Vivere sereni e felici nella natura, con la propria famiglia, credo sia la vacanza più bella da augurare a ciascuno.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium