/ Attualità

Attualità | 16 settembre 2020, 10:09

Sos donna, il progetto contro la violenza sulle donne, si arricchisce di nuovi partner

A fianco del portale entrano Provincia, Soroptimist, Fondazione CrAsti

Da sinistra Daniela Timon, past president del Soroptimist Asti, il presidente Paolo Lanfranco e la consigliera delegata alle Pari Opportunità della Provincia Francesca Ragusa, il presidente della Fondazione CrAsti Mario Sacco, la giornalista Laura Nosenzo (SOS donna)

Da sinistra Daniela Timon, past president del Soroptimist Asti, il presidente Paolo Lanfranco e la consigliera delegata alle Pari Opportunità della Provincia Francesca Ragusa, il presidente della Fondazione CrAsti Mario Sacco, la giornalista Laura Nosenzo (SOS donna)

Si rafforza SOS donna, il progetto sui percorsi attivi ad Asti contro la violenza alle donne.

Ai soggetti promotori dell'iniziativa, nata nel 2019 su impulso del Consiglio regionale del Piemonte, si aggiungono ora Provincia di Asti, Soroptimist Club di Asti e Fondazione Cassa di Risparmio di Asti.

Anche l'Asl AT ha rinnovato l'adesione per l'edizione 2020-2021 caratterizzata, nei mesi scorsi, da azioni che l'Associazione culturale Agar, ideatrice del progetto, ha dovuto adattare alle misure sanitarie imposte dal Covid-19.

Sarà così anche per le prossime due iniziative, in campo dall'autunno: il questionario "Ti rispetto" sulla violenza psicologica, rivolto ai giovani tra i 15 e i 20 anni; lo Sportello psicologico che andrà ad affiancare il servizio di corrispondenza on line "Lettere allo psicologo", attivo da due mesi su www.sos-donna.it e che sta ottenendo un ottimo riscontro.

Sia il questionario, sostenuto in particolare dalle donne del Soroptimist e dall'Asl AT, che lo Sportello psicologico (ospitato dalla Provincia in uno spazio appositamente dedicato nella sede di piazza Alfieri) saranno presentati, nel dettaglio, al momento dell'avvio.

Chi invece vuole porre quesiti attraverso "Lettere allo psicologo", spazio realizzato grazie alla collaborazione con il Centro antiviolenza L'Orecchio di Venere, può scrivere a psicologo@sos-donna.it. Risponde il dottor Pellegrino Delfino, referente di SOS donna per i servizi di consulenza psicologica. Sul sito sono attualmente pubblicate una trentina di lettere.

È possibile approfondire il progetto di Agar (finalità, servizi segnalati, progetti, soggetti promotori e collaborazioni, ecc.) consultando il portale www.sos-donna.it

 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium