/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 18 settembre 2020, 07:30

A Canelli in arrivo una mostra che racconta le nostre terre con gli occhi dei bambini

Sabato 26 e domenica 27 settembre nell'ambito della manifestazione "Canelli città del vino", un'esposizione di opere realizzate dai più piccoli, che ritraggono paesaggi, nature morte e scorci

A Canelli in arrivo una mostra che racconta le nostre terre con gli occhi dei bambini

La manifestazione "Canelli città del vino", che si terrà sabato 26 e domenica 27 settembre, è la cornice ideale per la mostra che i curatori del corso di disegno e pittura, organizzato dalla Biblioteca Civica G. Monticone di Canelli, hanno allestito nei locali del Salone Parrocchiale San Tommaso, ex Circolino.

Il corso, diretto dalla maestra Natalia Iarema, supportata dai volontari Marisa Cassinasco, Franco Fabiano e Corrado Graziola, giunto nel 2019 al terzo anno, è stato purtroppo interrotto nel febbraio del 2020 a causa del Covid.

I numerosi partecipanti, bambini della scuola primaria di Canelli e San Marzano Oliveto, sono riusciti a compiere parte del percorso previsto e a lavorare sull’interessante tema dell’anno: UNESCO, patrimonio artistico e paesaggistico del nostro territorio.

La musica delle colline

Nel breve tempo a disposizione, con tecniche diverse, tempere, acquerelli e collages, i bambini hanno prodotto immagini di paesaggi collinari, nature morte, scorci del centro storico della città. L’ispirazione, oltre che dall’osservazione del nostro territorio, è arrivata anche dalla visita alla mostra del pittore canellese Giancarlo Ferraris “La musica delle colline”, allestita all’interno delle cantine Chiarlo di Calamandrana.

Questa preziosa opportunità li ha portati a riflettere su come l’arte possa ispirarsi all’ambiente che ci circonda ed interpretarlo in modo originale e personale, con un mix di tecnica e sensibilità capace di suscitare nei visitatori sincera ammirazione e commozione.

Molto altro era in programma: la visita al Castello Gancia, le passeggiate lungo la Sternia e la camminata nelle vigne, l’osservazione e riproduzione delle case del centro storico utilizzando il nuovo piano colore del Comune, iniziative che, se possibile, verranno rimandate al 2021.

I disegni e i collages esposti nella mostra, anche quelli rimasti incompiuti, rappresentano un piccolo, ma incoraggiante passo dei piccoli artisti verso una maggiore consapevolezza delle bellezze e peculiarità del nostro territorio, riconosciuto “Patrimonio dell’umanità”. Alle future generazioni, quindi, il compito di salvaguardarlo, proteggerlo e farlo conoscere, rendendolo sempre più degno dell’importante riconoscimento ricevuto.

Informazioni e orari

La mostra potrà essere visitata nei giorni di sabato 26 e domenica 27 settembre dalle 10 alle 22. Si richiede l’osservanza delle norme igienico sanitarie, il distanziamento sociale e l’uso della mascherina.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium