/ Sanità

Sanità | 22 febbraio 2021, 18:45

In Piemonte, donate quasi 50mila farmaci da banco nell’ambito della Giornata del farmaco

I promotori associano il calo rispetto all’edizione precedente alla crisi economica provocata dal Covid-19

In Piemonte, donate quasi 50mila farmaci da banco nell’ambito della Giornata del farmaco

Il bilancio della Giornata della Raccolta del farmaco 2021 ha visto il coinvolgimento di più farmacie e tanta solidarietà da parte dei piemontesi. Anche se, come previsto a causa della crisi economica provocata dal Covid-19, con numeri in flessione rispetto a quelli dello scorso anno.

L’iniziativa – che ha consentito di donare farmaci “da banco” (ovvero, quelli che non necessitano di ricetta medica e che possono essere acquistati liberamente) da desinare ad enti che poi, a loro volta, si occupano di distribuirli a chi ne ha più bisogno – ha permesso di raccogliere 48.283 farmaci (-22% rispetto ai 62.592 del 2020), per un corrispettivo economico di 359.252 euro (-24% rispetto ai 468.987 euro del 2020), con la copertura del bisogno che si è assestata al 36% della richiesta di 136.706 farmaci, in calo rispetto al 43% del 2020.

Non mancano, però i segnali positivi: come accennato, aumentano le farmacie coinvolte in tutta la regione. In particolare, le farmacie di nuova acquisizione hanno ottenuto ottimi risultati, sia nella raccolta che nel rapporto umano con i clienti. Inoltre la diminuzione dei numeri assoluti era stata ampiamente preventivata, a causa della crisi sanitaria ed economica che stiamo vivendo e all’impossibilità dei volontari di prestare servizio come di consuetudine negli anni precedenti: è venuto così a mancare un importante supporto promozionale alla Giornata della raccolta del farmaco. Paradossalmente, però, era atteso un calo maggiore e i numeri raggiunti sono superiori alle aspettative.

Ricordo - ha sottolineato l’assessore Chiara Caucinoche tra i farmaci da banco figurano anche prodotti medici di largo consumo, per contrastare i sintomi influenzali, o il semplice mal di testa che oggi, purtroppo, in troppi non possono nemmeno permettersi”.

“Ne approfitto - conclude Caucino - per ringraziare il Banco Farmaceutico, tutti i farmacisti che hanno aderito all’iniziativa e ovviamente chi ha deciso di donare un farmaco ai più bisognosi, auspicando che questa lodevole iniziativa possa ripetersi al più presto”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium