/ Politica

Politica | 11 maggio 2021, 09:50

Non erano assenze ingiustificate quelle della consigliera Martina Veneto, non avviata contestazione formale

Con una nota il Movimento 5 Stelle di Asti, (ri)replica al sindaco Rasero. I fatti si riferiscono a gennaio

Non erano assenze ingiustificate quelle della consigliera Martina Veneto, non avviata contestazione formale

A gennaio scorso il sindaco Rasero aveva 'tuonato' contro la consigliera comunale del M5S, Martina Veneto, rea, a suo dire di aver disertato ingiustificatamente il Consiglio Comunale per diverse sedute.

Il sindaco aveva chiesto al presidente del Consiglio comunale, Walter Rizzo, di fare verifica e istruttoria nei confronti della consigliera, arrivando a chiederne la decadenza

"Tuttavia - scrivono i consiglieri pentastellati  - evidentemente troppo impegnato in altre faccende, si è poi dimenticato di notiziare il Consiglio Comunale sull’esito della procedura. Il presidente del Consiglio Comunale non ha avviato nessuna contestazione formale nei confronti della Consigliera, avendo ritenuto plausibili le giustificazioni addotte".

"Evidentemente - sostengono ancora - le assenze non erano ingiustificate come aveva dichiarato Rasero in maniera improvvida e fallace. Ci saremmo aspettati le doverose scuse da parte del sindaco, cosa mai avvenuta. Ma, come diceva il grande Totò, signori si nasce e non si diventa".

B.M.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium