/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 05 giugno 2021, 12:27

Una nuova iniziativa per chi ama la lettura. Dal 17 giugno 'Il cortile dei lettori - serate con l’autore sotto le stelle'

Organizzata dalla Libreria Alberi d'Acqua, cinque serate dal vivo su prenotazione

Una nuova iniziativa per chi ama la lettura. Dal 17 giugno 'Il cortile dei lettori - serate con l’autore sotto le stelle'

"Mascherati, distanziati, prenotati ma finalmente insieme".

Con queste parole la Libreria Alberi d’Acqua presenta la rassegna “Il cortile dei lettori - serate con l’autore sotto le stelle”: una serie di cinque incontri con gli scrittori e i loro libri nella affascinante location del cortile adiacente la libreria, in via Rossini 4.

"Gli ospiti  - spiega il titolare, Beppe Gnesotto - sono tutti di notevole caratura, gli argomenti dei libri proposti molto variegati e l’impegno degli organizzatori è quello di proporre, dopo un anno e mezzo di stop forzato, una serie di eventi in cui si possa ritrovare il piacere di incontrarsi per parlare di libri e trascorrere in compagnia una serata rilassante e appagante".

Gli incontri sono tutti fissati al giovedì sera alle ore 21.

Si inizierà il 17 giugno con una scrittrice che vive sulle colline tra Piemonte e Liguria, Raffaella Romagnolo, che presenterà il suo nuovo libro “Di luce propria”: l’invenzione della fotografia e la storia dell’Unità d’Italia ruotano attorno alle figure dei protagonisti di questo romanzo civile e intimo al tempo stesso.

La seconda serata, il 24 giugno, avrà come ospite la giallista ligure Cristina Rava e i suoi amati personaggi: il commissario Rebaudengo e il medico legale Ardelia Spinola, alle prese con un’indagine ambientata nelle Langhe in cui i segreti di una famiglia riaffiorano da un torbido passato. Il titolo del libro è “Il pozzo della discordia”.

Il primo luglio uno scrittore d’eccezione, il Vescovo di Asti Mons. Marco Prastaro, autore di un’autobiografia “Dove Dio ha nome di donna” che racconta i suoi 13 anni di missione nel Kenya del nord: terra di pastori, luogo di povertà, zona di siccità, un libro che celebra la forza inarrestabile delle donne africane. 

Seguirà il 15 luglio una beniamina del pubblico astigiano, la torinese Alice Basso: “Il grido della rosa” è ambientato nella Torino fascista degli anni ’30, con protagonista Anita, una dattilografa che sogna un mondo di libertà, un personaggio entrato nel cuore di chiunque ami il potere dei libri e le investigazioni ricche di misteri.

Concluderà la rassegna, giovedì 22 luglio un esordiente, l’astigiano Marzio Broda, autore di “Un anno a Tokyo”, una guida pratica e spirituale, divertente eppure molto seria, in ogni caso indispensabile, per decifrare con garbo e humor un popolo, quello giapponese, che ha in serbo molte sorprese.

Le serate sono tutte ad ingresso gratuito: in conformità alle attuali disposizioni sanitarie, i posti sono limitati ed è necessaria la prenotazione al numero 0141 556270 oppure scrivere una mail ad alberidacqua@libero.it

In caso di maltempo gli incontri si terranno presso il Salone dell’Oratorio - Parrocchia San Pietro, in Corso Genova 14.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium