/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 18 giugno 2021, 13:16

Dati economici in forte crescita per la Cantina di Vinchio e Vaglio (FOTOGALLERY)

Nonostante le difficoltà correlate la pandemia, i riscontri sono tutti positivi sia sul fronte interno che su quello estero

Galleria fotografica di MerfePhoto

Galleria fotografica di MerfePhoto

Ad ormai poche settimane dall’approvazione del bilancio annuale, in programma a luglio, i dati economici relativi la Cantina di Vinchio e Vaglio risultano tutti, malgrado le inevitabili difficoltà dovute al lungo periodo di parziale o totale chiusura da pandemia, in crescita.

Forte di 192 soci per 452 ettari coltivati a vite, di cui 277 riservati alle uve barbera (45.600 i quintali della vendemmia 2020 per circa 33mila ettolitri di vino) la Cantina ha venduto poco meno di un milione di bottiglie e, dato estremamente significativo, quasi 550mila bag-in-box che corrispondono, a quasi 25mila ettolitri. Cifre che portano il fatturato complessivo della cantina a quasi 9 milioni di euro (8.851.000), di cui poco meno di un milione dal commercio estero e da quello interno.

“Dati confortanti – ha spiegato il direttore Marco Giordano, in carica da pochi mesi – che, tra l’altro risultano in forte miglioramento nei primi cinque mesi del 2021, con un incremento del 6.5% in Italia, un aumento dell’imbottigliamento in bag-in-box di circa 120mila unità ed il ritorno alle medie ante virus di incasso (circa un milione mezzo di euro l’anno) del punto vendita della Cantina che nei mesi del lockdown si erano inevitabilmente contratte del 20%”.

L'IMPEGNO DELLA CANTINA PER LA CRESCITA DEL TERRITORIO

Ma i dati appena elencato sono relativi solo uno dei numerosi versanti su cui la Cantina ha operato nell’ultimo anno e mezzo, come evidenziato nel corso di un incontro stampa che ha visto la presenza del presidente Lorenzo Giordano, del vicepresidente Cristiano Fornaro, del direttore Marco Giordano e dei due responsabili dell’area commerciale, Tessa Donnadieu per l’estero e Gianni Catto per il mercato italiano.

I mesi di chiusura da virus sono infatti serviti per giungere al completamento di alcuni progetti pensati prima dello scoppio della pandemia, come quello dei Sentiero dei Nidi di Vinchio e Vaglio, ora definitivamente a disposizione degli appassionati della natura e del buon mangiarbere in tutto il suo percorso, o come il rinnovo totale del Centro direzionale, ora sistemato in una sorta di bonaria stazione aerospaziale appoggiata sullo storico edificio di ingresso della Cantina. Nello stesso edificio si stanno completando i lavori per la realizzazione di una modernissima Sala di Degustazione che già nei mesi che precedono la vendemmia sarà messa a disposizione di clienti e appassionati per un’adeguata “prova dal vivo” dei prodotti della Cantina.

Dopo il totale restyling dell’immagine istituzionale – marchio, etichette, bottiglie – è ora in corso di profondo aggiornamento il sito web, mentre si sta lavorando per la realizzazione di una nuova brochure che presenti, sotto forma di narrazione di genere, storia, vita e cultura di Vinchio e Vaglio.

L'ATTENZIONE AL MONDO DELL'ARTE

“In tutto questo – hanno affermato il presidente Renzo Giordano ed il suo vice Cristiano Fornaro - non poteva mancare il marchio di fabbrica della Cantina che è il suo cotè ludico e gioioso e così sono state sistemate, tra Cantina e collina, due grandi, per certi versi ironiche, ‘piroghe’ che ricordano la preistorica presenza del mare nella zona e, in un punto panoramico sul Sentiero dei Nidi, l’installazione dell’artista canellese Giancarlo Ferraris in cui figurano in formato gigante, i ‘Tre Vescovi’, il brand più noto tra quelli della Cantina, che vigilano sulle colline della Barbera”.

L’installazione, presentata dallo stesso Ferraris con un’arguta provocazione su un futuro e visionario “Camino di San Pancrazio”, il luogo in cui sorge la Cantina, sarà inaugurata nel tardo pomeriggio di sabato 3 luglio, al termine del Convegno “Asparago saraceno & Vigne Vecchie” organizzato nell’ambito degli eventi astigiani dell’Anno internazionale della Frutta e della Verdura e del Festival del Paesaggio Agrario 2021.

EXPORT IN CRESCITA, ANCHE SUL MERCATO ASIATICO

Per quanto riguarda la situazione commerciale, contenuta la diminuzione complessiva delle vendite durante il periodo più duro del lockdown (chiusura totale del canale horeca) grazie ad un efficiente sistema di consegna a domicilio dei vini della Cantina, sta riprendendo vigore, come hanno ricordato Tessa Donnadieu e Gianni Catto, la richiesta sia in Italia, sia all’estero dove si stanno aprendo promettenti sbocchi nel mercato del Nord America, ma anche, e questa è una novità assoluta, in quello asiatico, soprattutto per quanto riguarda Cina e Corea del sud.

RINNOVATO L'ACCORDO CON L'AMERICAN AIRLINES

Sempre in tema di esportazione è infine da segnalare che l’American Airlines che, nel periodo precedente lo scoppio della pandemia, aveva stipulato un interessante accordo per la fornitura di un cospicuo numero di bottiglie di “Tre Vescovi”, ha confermato nei giorni scorsi la validità dell’accordo a partire dal prossimo anno, quando si auspica possa tornare nella piena efficienza il trasporto aereo internazionale.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium