/ Attualità

Attualità | 30 luglio 2021, 19:35

Ad Asti il convegno nazionale di Federcontribuenti sul tema degli errori nella giustizia

Il convegno in collaborazione con “Io non sono Stato”, “Recidiva Zero” e “Forza dei consumatori”. Testimonianza dell'imprenditore testimone di giustizia, Pino Masciari

Ad Asti il convegno nazionale di Federcontribuenti sul tema degli errori nella giustizia

Esiste una “giusta” giustizia? E come il cittadino può tutelarsi dalle custodie cautelari in carcere o agli arresti domiciliari, pur rivelandosi poi innocente, o dagli errori giudiziari?

Sono domande poste al  convegno nazionale di Federcontribuenti, organizzato al circolo Way Assauto di Asti in collaborazione con le associazioni “Io non sono Stato”, “Recidiva Zero” e “Forza dei consumatori”.

Un tema, quello trattato dall’avvocato penalista, Leopoldo Di Nanna, di forte attualità e con un gravoso impatto sociale ed
economico. Dal 1992 al 31 dicembre 2020, sono stati oltre 29mila i casi di vittime di un sistema, che è costato alle casse statali oltre 900milioni di euro di indennizzi risarcitori. Dati impressionanti, che pesano sui contribuenti, ma ancor più sui singoli individui, ingiustamente privati della propria libertà
personale, degli affetti e della dignità.

Nasce proprio con l’obiettivo di difendere e restituire la serenità perduta, l’Associazione Nazionale “Io non sono Stato”, presieduta dall'astigiano Vincenzo Tagliareni e
presentata nel corso della conferenza. “Il mio dovere professionale e morale – ha sottolineato il vicepresidente della neonata associazione, Di Nanna – è offrire supporto incondizionato a coloro, che hanno perso tutto e difenderli non solo in aula, ma anche da un accanimento mediatico ingiustificato, che cerca a tutti costi un colpevole, nel dieci per cento dei casi non coincidente con chi ha commesso
effettivamente il reato”.

L’opinione pubblica – ha proseguito l’avvocato penalista – è
avvezza a condannare, senza neppure attendere il processo e i seguenti gradi di giudizio. Basti pensare ai casi celebri di Enzo Tortora o Franco Califano, ma non possiamo e non dobbiamo dimenticare le centinaia di vittime ingiustamente detenute o colpite dagli errori giudiziari, che spesso non
possiedono le risorse necessarie, per difendersi e dimostrare la propria innocenza”.

Solo nel 2020, secondo i dati resi noti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, 750 sono stati gli imputati ai
quali è stata riconosciuta l’ingiusta detenzione e 16 gli errori giudiziari, per una spesa ai danni dello Stato di 9.104.875,44 euro; casse che devono necessariamente risanate, anche a danno dei contribuenti.

“Il nostro sistema– spiega il coordinatore nazionale Federcontribuenti, Vincenzo Tagliareni – da un lato risarcisce giustamente le vittime, dall’altro colpisce i cittadini attraverso il fisco e gli Enti di Riscossione, non tenendo in minima considerazione l’orientamento giurisprudenziale corrente. Basti pensare – ha infatti sottolineato Tagliareni – ai quindici milioni di cartelle esattoriali in arrivo, spesso prescritte, decadute o nulle per vizi di notifica” .

“L’obiettivo di Federcontribuenti – ha spiegato il Coordinatore – non è sicuramente quello di allarmare, ma di lanciare un monito di speranza alle migliaia di persone, che verranno duramente colpite, in un momento storico di innegabile crisi economica. Esiste sempre una soluzione, spesso non visibile a causa del linguaggio burocratese, appositamente utilizzato per confondere, o per mancata conoscenza della legislazione
vigente”.

Tra le testimonianze rese nel corso del convegno, anche quella di Pino Masciari, imprenditore calabrese e testimone di giustizia, dal 1997 al 2010, sottoposto con la sua famiglia a programma speciale di protezione e attualmente ancora scortato, per aver denunciato la ‘ndrangheta
e le sue collusioni con il mondo politico.

Un “calvario” di quasi trent’anni, per un uomo che ha scelto
di “essere libero” e ancora oggi rivendica il proprio diritto a vivere con coraggio e senza piegarsi alla criminalità, sottolineando l’indifferenza di uno Stato, incapace di garantire l’incolumità di coloro che credono nella legalità e nella giustizia.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium