/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 31 luglio 2021, 15:30

Il comune di Villanova riceve in dono una stampa dell'opera "Villanova dell'Astegiana", tratta dal "Theatrum Sabaudiae"

La donazione ad opera di Giacomo Francesco Baldissera

Il comune di Villanova riceve in dono una stampa dell'opera "Villanova dell'Astegiana", tratta dal "Theatrum Sabaudiae"

Il “Teatrum Sabaudiae”, risalente al 1682, fu il risultato dell’ambizioso progetto intrapreso dal duca Carlo Emanuele II di Savoia di raccogliere in due volumi 145 tavole che illustrassero i suoi possedimenti.

Il primo volume contiene carte geografiche, ritratti e vedute di Torino con piazze ed edifici, mente il secondo volume presenta le vedute delle principali città del ducato fra cui “Villanova dell’Astegiana”. Giacomo Francesco Baldissera ha donato al comune di Villanova d’Asti la stampa della città disegnata da Tommaso Borgonio; si tratta della prima edizione latina che verrà seguita, nel secolo successivo, da un’ulteriore edizione latina e da versioni neerlandesi e da due francesi.

In merito a questa preziosa donazione a favore del comune di Villanova d’Asti, Giacomo Baldissera dice: ”Sono felice di aver avuto l’opportunità di dare un segno duraturo nel tempo del mio affetto nei confronti della comunità villanovese che mi accoglie da un quarto di secolo. La mia dimora settecentesca di Via San Martino non è rappresentata dal Borgonio contrariamente al pozzo di rimpetto ed era contenuta dalle mura ed in particolare dal bastione della “Mezzaluna dolce. E’ per me un privilegio trascorrere il mio tempo libero immerso in tanta storia”.

Per l’amministrazione comunale è una grande soddisfazione avere ottenuto questa donazione. La stampa in una cornice seicentesca è stata appesa nell’ufficio del sindaco, Christian Giordano. Si è tenuta una piccola cerimonia per ringraziare il donatore che si sente a tutti gli effetti cittadino villanovese dopo aver ristrutturato la sua dimora nei pressi della chiesa di San Martino.

Una piccola curiosità: la Torre civica aveva una guglia, che oggi non esiste più, che la rendeva più alta di circa 5-6 metri rispetto a quella attuale.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium