/ Al Direttore

Al Direttore | 24 marzo 2022, 18:25

Anche da Asti la solidarietà nei confronti di Nadia Conticelli, consigliera comunale di Torino

Arianna Franco (Segretaria CGIL) e Luisa Rasero (Coordinamento Donne Cgil) analizzano il fatto in una nota stampa

Nadia Conticelli

Nadia Conticelli

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma di Arianna Franco (Segretaria CGIL) e Luisa Rasero (Coordinamento Donne Cgil), in merito alla vicenda che ha visto coinvolta Nadia Conticelli, consigliera comunale di Torino. 

Capita che una donna impegnata in politica, Nadia Conticelli (capogruppo PD al Comune di Torino), esprima legittimamente una sua opinione. Capita che esponenti di altri partiti legittimamente non siano d’accordo. Hanno diritto di manifestare questo dissenso? Ovviamente sì, e anche in modo aspro se lo ritengono. Non hanno il diritto di insultarla in quanto donna e di augurare lo stupro a lei e alle sue figlie adolescenti.

Conticelli ha avuto il coraggio di denunciare ma, proprio alla vigilia dell’8 marzo di quest’anno, è arrivata la richiesta di archiviazione del procedimento in quanto quelle frasi sarebbero semplicemente “inurbane e molto maleducate”.

No, non ci stiamo, non è questione di bon ton, smettiamola con questa caricatura delle femministe puritane che si scandalizzano per qualche parola un po’ forte. Questa è barbarie, è quello che gli anglosassoni chiamano ‘hate speech’ (linguaggio d’odio), che ormai imperversa sui social e che si accanisce con speciale virulenza sulle donne e, in particolare, sulle donne che hanno un ruolo pubblico. Ne sono state colpite esponenti di ogni schieramento politico, da Rosy Bindi a Laura Boldrini a Lucia Azzolina a Giorgia Meloni.

Questo degrado deve finire, l’hate speech deve essere considerato un reato, va posta una regolamentazione sui social con individuazione delle responsabilità personali. Ci permettiamo di dire che anche alla Magistratura vanno fornite linee interpretative chiare e non indulgenti, è insultante che offese così gravi possano essere derubricate come goliardate, scherzi o, appunto, inurbanità.

Ricordiamo che la violenza e la molestia si definiscono tali secondo la percezione di chi le subisce. Come scrive Conticelli: “….una pioggia di nefandezze che ti si scarica addosso frugando in ciò che hai di più caro nella tua vita personale e ti fa sentire fragile, esposta..”. Ecco, a questa ferita nel profondo non si può rispondere “io scherzavo”.

Nell’esprimere solidarietà alla Consigliera Comunale di Torino e a tutte le donne che sono incappate in questo reato ancora non riconosciuto, chiediamo alla politica e alla società civile di adoperarsi per individuare fattive soluzioni. Alle donne chiediamo di denunciare, noi saremo sempre al loro fianco. E se non se la sentono, almeno di parlarne e di non sentirsi in colpa: l’effetto perverso di questi linciaggi morali è di farci sentire quasi sporche, quasi in difetto. No, in difetto sono gli odiatori e chi non li condanna!

Arianna Franco e Luisa Rasero

Al direttore

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium