/ Attualità

Attualità | 06 giugno 2022, 09:00

Un talk show organizzato da Asti Agricoltura spiegherà perché l'Astigiano è una "inevitabile attrazione"

L'incontro, cui parteciperà anche l'ex calciatore Hernanes, è in programma questo pomeriggio alle 17 nelle Cantine dei Marchesi Incisa della Rocchetta a Rocchetta Tanaro

La locandina dell'iniziativa

La locandina dell'iniziativa

Si intitola “Astigiano, inevitabile attrazione, i nuovi investimenti e progetti in agricoltura, come e perché”, il talk show previsto questo pomeriggio, dalle 17, alle Cantine dei Marchesi Incisa della Rocchetta a Rocchetta Tanaro, con il quale Asti Agricoltura, aderente a Confagricoltura, apre la sua assemblea 2022. 

Sul palco, a raccontarsi in una sorta di confessione laica, ci saranno Anderson Hernanes, meglio conosciuto come "Il Profeta", famoso ex calciatore brasiliano che ha militato in club della Serie A italiana (Inter, Lazio e Juventus) che a Montaldo Scarampi ha avviato un’azienda con vigne e cantina, che alla produzione vitivinicola affianca anche un ristorante e un resort; Gianfranco Lanci, top manager di livello mondiale nel campo dell’informatica (Lenovo, Acer e Texas Instruments), che, già patron di Cantine vinicole a La Morra (Dosio) nel Cuneese, ha esteso la sua attività vitivinicola a Canelli (Coppo e Villa Giada); e Barbara Gibello, già funzionario di compagnie assicurative oggi a capo di un allevamento di una pregiata razza di cavalli, la Frisona, con base a Valfenera, nel Nord dell’Astigiano.      

"Sempre di più l’Astigiano è terra di investimenti in campo agricolo - afferma Gabriele Baldi, produttore vinicolo costigliolese e presidente di Asti Agricoltura - per imprenditori che, spesso, arrivano da fuori provincia e decidono di realizzare progetti impiegando anche ingenti risorse sul nostro territorio. Capire quali siano le motivazioni di questo fenomeno è strategico per pensare all'Astigiano del futuro, in ogni campo".

"Con il talk show di Rocchetta Tanaro - aggiunge Mariagrazia Baravalle, direttore di Confagricoltura Asti - vogliamo cominciare ad analizzare i perché e in che modo l’Astigiano stia diventato spunto di “inevitabile attrazione” per professionisti e manager di altissimo livello che, evidentemente, hanno colto potenzialità e appeal importanti".

"Il nostro evento - annota ancora Mariagrazia Baravalle - punta a porre un primo tassello per una visione d’insieme che, attraverso la testimonianza di chi ha scelto la nostra provincia per investimenti e progetti in campo agricolo, sottolinei tutte le qualità, espresse e ancora da esprimere, dell’Astigiano, anche e soprattutto a favore degli imprenditori locali che possono, così, cogliere al meglio le potenzialità del territorio".

Insomma un evento finalizzato a ritrovare consapevolezza delle proprie migliori caratteristiche agro-imprenditoriali. "Che non deve essere solo autostima o celebrazione di sé - precisa Baldi - ma anche attenzione, ascolto, studio e preparazione ad affrontare le sfide  di domani, magari partendo dalle storie di chi, da esterno, ha colto aspetti particolari e strategici dell’Astigiano". 

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium