/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2022, 10:00

Sgomento a Piovà Massaia per la morte di Giuseppe Degiorgis. In Val Varaita ancora al lavoro per recuperare il corpo

59 anni, non si avevano più sue notizie da tre giorni. Aveva collaborato con la compagnia teatrale del paese. Il suo corpo è stato avvistato a quota 3000 metri in territorio italiano. Le condizioni meteo stanno rendendo difficile il recupero

Le ricerche

Le ricerche

Sgomento a Piovà Massaia per la tragica morte di Giuseppe Degiorgis. 

59 anni, è morto nella zona di Roc della Niera, in Val Varaita. Dell'escursionista astigiano non si avevano più notizie da tre giorni.

Degiorgis abitava a Piovà Massaia: la sua abitazione era sul confine con il comune di Piea, ma per prossimità territoriale faceva ancora parte di Piovà. 

L'uomo era conosciuto per aver a lungo preso parte alla compagnia teatrale del paese, "Et veuli che t’la cönta". 

La tragica notizia ha destato profondo cordoglio nell'Astigiano. Probabilmente, l'uomo si era recato in Val Varaita avendo una seconda casa in zona.

Lascia una moglie e un figlio. 

La ricostruzione

Le ricerche del corpo sono iniziate ieri mattina, quando i familiari hanno denunciato presso i Carabinieri il mancato rientro dell'uomo, partito presumibilmente nella giornata di mercoledì.

Dopo che l'autovettura è stata individuata in un parcheggio a Chianale, sono state effettuate delle perlustrazione aeree con l'elicottero dei Vigili del Fuoco e del Peloton de Gendarmerie de Haute Montagne sul lato francese.

Nel tardo pomeriggio, quest'ultimo ha avvistato un corpo in condizioni incompatibili con la vita ai piedi del canale nord del Roc della Niera, intorno a quota 3000 metri in territorio italiano. Le condizioni meteo hanno reso impossibile il recupero rimandando le operazioni a questa mattina quando, intorno alle 7.30, l'elicottero dei Vigili del Fuoco si è riportato in zona.

Le condizioni meteo non consentono, infatti, il sorvolo della zona e il recupero con l'elicottero. In zona si sta dirigendo, a quanto si apprende, Charlie Eco, l'elicottero del 118 regionale. Gli uomini impegnati sono una quindicina, partiti a piedi dal Colle dell'Agnello.

 

Elisabetta Testa - Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium