/ Sanità

Sanità | 29 settembre 2022, 13:28

La denuncia del Nursind: “In Piemonte impossibile sapere come siano stati spesi i soldi destinati all’assunzione di infermieri”

Francesco Coppolella aggiunge che “Dopo tre mesi di solleciti, siamo costretti a depositare un esposto alla Procura Regionale della Corte dei Conti”

Francesco Coppolella ritratto nel corso di un incontro ad Asti

Francesco Coppolella ritratto nel corso di un incontro ad Asti

“Dopo 3 mesi dalla prima richiesta alle Aziende sanitarie regionali , ad oggi, non è stato ancora possibile sapere come siano stati spesi i soldi previsti dal D.L. 34 convertito in legge 77/2020, che prevedeva per il Piemonte: 25.131.702,57 euro per il 2020; 25.131.702,57 euro per il 2021 atti a potenziare l’assistenza domiciliare; 24.498.199,64 euro per il 2020 e 35.350.937,44 euro per il 2021 per assunzione di infermieri di famiglia e/o di comunità. Cifre ripartite dalla Regione Piemonte, con DGR n. 37-2474 del 4 dicembre 2020 alle stesse Asl per un totale di circa 50 milioni di euro per il 2020 e circa 60 milioni di euro per 2021”.

Lo ha dichiarato Francesco Coppolella, segretario regionale del Nursind, aggiungendo che: “Il 26 giugno abbiamo chiesto alle Aziende sanitarie regionali un resoconto dettagliato di come queste risorse fossero state spese. La stragrande maggioranza delle aziende, inspiegabilmente non ha ancora risposto. Solo alcune di loro, dopo l’ennesimo sollecito. si sono limitate a fornire una risposta insoddisfacente, affermando che tali fondi sono stati ricevuti e spesi secondo le indicazioni contenute in alcune note regionali, prescindendo dalla linea di finanziamento nazionale e per tutte le attività assistenziali legati all’emergenza covid, senza indicarci quali”.

“Abbiamo preso atto delle note regionali pervenute solo nel 2022 e della Deliberazione della Giunta Regionale del 29 luglio 2022, n. 8-5443 che diversamente da quanto indicato dai precedenti provvedimenti di giunta regionale che assegnavano i fondi, disponeva a rendere disponibili le risorse Covid non utilizzate nel 2020 e 2021 delle singole linee di finanziamento, solo dopo aver garantito le attività previste dai decreti legge nazionali”, ha spiegato.

“Dal provvedimento, si deduce che tali fondi non sono stati spesi per le assunzioni previste a tempo indeterminato extra tetti di spesa per le finalità che la legge stabiliva e non sappiamo inoltre per quali altre spese siano stati resi disponibili. Che non si possa sapere come un servizio pubblico abbia speso milioni di euro destinati a dare risposte fondamentali alle criticità evidenziate dall’emergenza è cosa folle”.

“Non ci pare infatti ci siano state assunzioni atte a potenziare l’assistenza domiciliare ne tanto meno l’assunzione dei 750 infermieri di comunità, Fondi che stimiamo avrebbero permesso di assumere al di fuori dei tetti di spesa assegnati, circa 1500 infermieri a tempo indeterminato sul territorio. Sono molte le domande alle quali non abbiamo avuto ancora risposta. Perché queste importanti risorse non sono stati spese per la linea di finanziamento indicata da una legge nazionale? Come sono stati spesi? Inoltre, da una parte alcune aziende rispondono di averli spesi, dall’altra, le indicazioni regionali di renderli disponibili arrivano solo nel 2022”.

“A questo proposito, facciamo altresì presente che la Dgr n. 81 5534 del 03.08.2022 assegnava una parte di questi finanziamenti come trattamento accessorio del personale dipendente delle AASSRR. per l’anno 2021, Fondi che invece erano previsti arrivassero dall’art. 11 del D.L. 35/2019 convertito nella legge n.60 del 26.06.2019 (decreto Calabria) del quale ancora non si vede ancora l’ombra. La Regione Lombardia ad esempio, a differenza del Piemonte, ha investito sugli infermieri di famiglia autorizzando le 1.600 assunzioni previste extra tetti di spesa dal dl 34/2020, assegnando le necessarie risorse e autorizzando alle assunzioni. In Lombardia risultano già in servizio ben 1.039 infermieri di famiglia, anche in previsione dell'incremento degli infermieri di famiglia previsto dal dm 77”.

“In Piemonte invece che fine hanno fatto queste risorse, assegnate ma non utilizzate? - chiede Coppolella – La storiella che qualcuno vuol farci credere che non vi fossero graduatorie e professionisti disponibili non era credibile prima e non lo è adesso. Siamo molto preoccupati per il prossimo autunno ed inverno, i problemi di ieri saranno i problemi di domani moltiplicati da condizioni di lavoro che peggioreranno perché non vi è stato posto alcun rimedio. Ne è testimonianza le tante segnalazioni che riceviamo di grande precarietà nell’organizzazione dei servizi”.

“Ci preoccupa la situazione economica e i bilanci delle aziende non sono rassicuranti – conclude il segretario regionale Nursind –. Infine, crediamo sia prerogativa delle organizzazioni sindacali, oltre che dei cittadini sapere come soldi pubblici siano stati spesi, soprattutto se servivano per dare risposte ai loro bisogni di salute. Per questo motivo, tenuto conto dell’ assenza di risposte e considerata la poca collaborazione, siamo stati costretti a depositare un esposto alla procura della corte dei conti regionale affinché possa verificare come questi fondi siano stati spesi e in che modo”.

Comunicato stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium