/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 04 ottobre 2022, 18:42

Il Palafreezer di Asti, quest'anno non riaprirà. Dopo il mancato rinnovo con il Comune si trasferirà al Circolo Nosenzo

Piero Amerio presidente FITEL che gestisce l'impianto: "Potevano lasciarcelo ancora un anno ma deve nascere la palestra del Polo universitario. E non abbiamo neppure la corrente per i lavori"

Il Palafreezer di Asti, quest'anno non riaprirà. Dopo il mancato rinnovo con il Comune si trasferirà al Circolo Nosenzo

I numeri della struttura, prima del Covid, erano di tutto rispetto; il Palafreezer accoglieva scuole, atleti, eventi, ma la sede di piazzale De Andrè serve al Polo universitario per una nuova palestra che sarà finanziata con i fondi del Pnrr e allora la FITEL (Federazione Italiana tempo libero) che la gestisce, se ne deve andare.

Oggi, con una conferenza stampa fuori proprio dal Palafreezer, il presidente Piero Amerio con Giorgio Gallo del Consiglio Fitel e Bruna Palumbo, direttrice del palaghiaccio, hanno voluto raccontare la vicenda che non permetterà alla struttura di riaprire.

Nato nel 2003 con la Giunta Voglino

Nel 2003, fu siglato un accordo tra la Fitel e il Comune di Asti (assessore allo Sport Giuseppe Passarino), per 7 anni; in sostanza la Fitel pagava un affitto al Comune e c'era una divisione degli utili del 50%.

Nel 2010 poi con la Giunta Galvagno, l'accordo fu rinnovato con una gara in cui la Fitel partecipò e vinse, chiedendo di fare gestione completa, ma il Comune non aveva accettato e pagava l'energia elettrica. Un accordo che scadeva nel 2020, ma già nel 2018 il Comune aveva anticipato che non avrebbe rinnovato il contratto perché l'area sarebbe diventata la nuova palestra per Scienze Motorie.

E poi... La pandemia

Come tutte le attività anche il Palafreezer ha dovuto fare i conti con la pandemia che ha fermato il mondo.

"Il Comune ci aveva già detto di trovare un altro posto ma non era semplice - spiega Amerio -. Abbiamo individuato il circolo affiliato Enel di via Pagliani, ma ci aveva chiesto quasi 400mila euro. Poi abbiamo trovato il circolo Nosenzo che era in vendita all’asta per 800 mila euro, ma lo abbiamo acquistato per 300mila con la cooperativa Jokko di Piero Vercelli; la FITEL si occupa della parte sportiva".

Il Palaghiaccio andrà al circolo Nosenzo ma...

"Quest’anno però non si apre - annuncia sconsolato Amerio - ci sono troppi lavori e diverse anomalie da sanare. C'è voluto più di un anno per fare l'atto definitivo. Abbiamo chiesto a Comune e Università se potevamo stare ancora un anno ma ci hanno detto di no. Anzi, dobbiamo portare via le cose e ci è stata anche tolta la corrente".

Si toglie qualche sassolino dalle scarpe il presidente Fitel (anche presidente del circolo Way Assauto). "Asti deve avere un assessore allo Sport, non basta il consigliere delegato, anzi Walter Rizzo era uno dei nostri maggiori utenti ha portato tanti ragazzi delle scuole".

Anche l'aumento energia pesa sulle scelte. A rischio anche il circolo Way Assauto

"In tre quattro mesi ad Asti c’era un giro importante di persone - chiariscono i soci -. Dopo Torino c’eravamo noi. Però se prima di energia elettrica si pagavano 7/8mila euro ora si arriva a 15/20mila e, certo l'incognita Covid non aiuta".

"Anche al circolo della Waya le bollette sono triplicate, non so se rimarremo aperti" - sottolinea Amerio

I numeri

La FITeL (Federazione Italiana Tempo Libero) è un'Associazione che si occupa del tempo libero dei Lavoratori e Cittadini in generale ed è strutturata su tutto il territorio Nazionale Italiano. La FITeL di Asti, affilia nel 2019 n° 16 Circoli e Cral della Provincia e organizza diverse attività, quali:

  Corsi di aggiornamento riguardanti le materie burocratiche e fiscali sul 3° settore

  Una rassegna teatrale amatoriale di 3 mesi nei Circoli affiliati con 6/7 compagnie

  Un Trofeo interregionale di Scopone Scientifico tra i Circoli della durata di 4 mesi

  Partecipa al campionato di calcetto CSI Prov.le con una propria squadra

  Partecipa a gare di bocce sia maschile che femminile con proprie squadre

  Organizza nel periodo post scolastico attività rivolte ai ragazzi, "estate ragazzi"

  In collaborazione con il Comune partecipa a diverse manifestazioni.

I numeri del Palafreezedr

CORSI SPORTIVI rivolti ai bambini/e dai 3 ai 15/16 anni

Corso di 1° livello - 3 volte la settimana/totale 16 ore mensili per 50 atleti

Corso di 2° livello - 3 volte la settimana/totale 16 ore mensili per 24 atleti

Corso di 3° livello - 2 volte la settimana/totale 16 ore mensili per 26 atleti

Corso di 4° livello - 2 volte la settimana/totale 16 ore mensili per 24 atleti

TOTARE ATLETI 124.

CORSO ADULTI: 4 ore alla settimana, per un totale di 16 ore mensili per 30 atleti

CORSO DOMENICALE: 2 ore settimanali per un totale di 8 ore mensili per 380 persone

CORSI DIDATTICI per le SCUOLE: 14 ore sett.li per 20 sett. per una media di 15 alunni

TOTALE 4.200 alunni

CORSO di HOCKEY: 2 ore la settimana per un totale di 8 ore mensili per 20 atleti

INGRESSI al PUBBLICO nei giorni di Venerdì-Sabato e Domenica: 8mila

ALTRE ATTIVITA': 2 SAGGI - 4 STAGE - 3 GARE Provinciali di pattinaggio artistico

1 TORNEO HOCKEY interregionale e CURLING.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium